LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO
10 marzo 2004

Gazz. di Taranto
 

IL CASO
Denunciate a piede libero una veterinaria ed una donna di Leporano
Stroncato traffico di cani

Blitz dei carabinieri, bloccato furgone per la Germania

Leporano (Taranto)

Esiste un traffico di cani randagi tra Leporano e l'Europa? E con quali retroscena? Sono inquietanti le ipotesi su cui stanno lavorando i carabinieri del Nucleo operativo ecologico di Lecce. I militari, con la collaborazione dei colleghi della stazione di Leporano, l'altra sera hanno intercettato un furgone, guidato da un cittadino di origine tedesca, con 46 cani ingabbiati e pronti per partire per un lungo viaggio. Gli animali, privi di chip di riconoscimento, erano per lo pi¨ cuccioli. Tra i documenti ritrovati nel furgone c'erano anche decine di certificati di vaccinazione degli animali che, secondo quanto riferito, riporterebbero dati sospetti. I militari ritengono che si possa trattare di documenti falsificati. A tal proposito, due donne sono state denunciate per falsitÓ materiale commessa da pubblico ufficiale. Si tratta di un veterinario di Leporano e di una donna di origine austriaca, ma residente da tempo nel comune in provincia di Taranto. Secondo quanto riferito, sembra che la cittadina austriaca raccogliesse i randagi per destinarli in strutture in Germania, nelle quali i cani avrebbero trovato pi¨ confortevole sistemazione. I cani sono stati tutti registrati da un veterinario della Asl che ora dovrÓ occuparsi di loro. I carabinieri hanno agito su segnalazione del Noe di Grosseto. Secondo indiscrezioni, pare che i militari da giorni fossero sulla pista dei randagi. Non era il primo carico di randagi che partiva da Leporano. A denunciare il caso Ŕ stata una sezione dell'Enpa della Toscana.
 

pagina iniziale bairos@tin.it pagina principale di questa sezione


p.s. il contenuto di questa sezione Ŕ molto importante in quanto la piaga dei traffici di animali verso il nord Europa Ŕ molto estesa.
Diffondete pi¨ che potete e diffidate di chi si si offre di sistemare animali in Germania, Austria Svizzera o chi mentendovi vi promette facili affidi. Controllate sempre lo stato degli animali nel tempo e non allontanateli dal territorio, perchŔ ricordatevi che la vostra ignoranza, la vostra indifferenza, la vostra complicitÓ, sarÓ la loro FINE.
Proseguite nella lettura entrando nella "pagina principale di questa sezione" e contribuite con noi alla diffusione di queste pagine e di questo argomento