ANIMALIEANIMALI
12/11/2007
 
FRANCIA: «MALFATTORI SVIZZERI» SOSPETTATI DEL FURTO DI 450 GATTI
Sospetti per produzione pellicce. 
 
  
12 novembre 2007 - Circa 450 gatti sono scomparsi da gennaio in nell'Alta Savoia, regione alpina francese al confine con la Svizzera. Una responsabile della Societa' protettrice degli animali di Thonon ha dichiarato di sospettare che siano stati rubati da «malfattori elvetici». I proprietari dei felini scomparsi si sono dati appuntamento martedi' prossimo alla gendarmeria di Evian, sulla sponda francese del Lago Lemano, per inoltrare querela, ha detto Patricia Dolciani.
 
«Sospettiamo malfattori elvetici di rubare i gatti per venderli a laboratori medici o a concerie, perche' taluni pensano che la pelle di gatto permette di alleviare i reumatismi», ha aggiunto la militante animalista. «Sappiamo che a Coira e a Lucerna ci sono concerie che trattano 10.000 pelli di gatto all'anno. Bisogna sapere che ci sono ancora nella Svizzera tedesca contadini che fanno salami con bovari bernesi, e quando non ne hanno, prendono pastori tedeschi».
 
La vendita di pelli di gatto e' proibita in Francia ma non in Svizzera. La gendarmeria dell'Alta Savoia ha indicato di «non avere ancora ricevuto denunce per scomparse di gatti». La Societa' protettrice degli animali avanza la cifra di 450 furti basandosi sulle telefonate ricevute. In Svizzera, la proprietaria di una conceria di Yvonand, nel canton Vaud, Sylviane Ghielmini, ha detto di non credere a un traffico del genere: «Io concio una o due pelli di gatto all'anno per proprietari il cui animale e' appena morto e che vogliono serbarne un ricordo. Rivendo una decina di pelli di gatto all'anno che acquisto in Svizzera o in Inghilterra a persone che soffrono di reumatismi e che mi dicono che fa loro del bene, ma si tratta di un mercato ridottissimo».
(Res/Pn/Adnkronos)
 
pagina iniziale bairos@tin.it pagina principale di questa sezione


p.s. il contenuto di questa sezione è molto importante in quanto la piaga dei traffici di animali verso il nord Europa è molto estesa.
Diffondete più che potete e diffidate di chi si si offre di sistemare animali in Germania, Austria Svizzera o chi mentendovi vi promette facili affidi. Controllate sempre lo stato degli animali nel tempo e non allontanateli dal territorio, perchè ricordatevi che la vostra ignoranza, la vostra indifferenza, la vostra complicità, sarà la loro FINE.
Proseguite nella lettura entrando nella "pagina principale di questa sezione" e contribuite con noi alla diffusione di queste pagine e di questo argomento