BALDO

"Mio caro dolcissimo Baldo, cagnolone sfortunato, ieri ho saputo della tua soppressione e
mi si Ŕ gelato il cuore. Ho pianto tanto, non avevo pi¨ lacrime. Ti chiedo scusa cucciolo, per non averti salvato da colui che pensavi fosse il tuo amico migliore, che invece non ti ha mai amato e ti ha gettato via come un oggetto inutile.
Tu non hai colpe, le colpe sono solo le sue perchŔ non Ŕ stato capace di amarti ma solo di maltrattarti e poi dire che eri diventato pericoloso. Tu non eri pericoloso, semplicemente ti difendevi dalle sue cattiverie. Ricordati che io ti ho voluto tanto bene anche se ti potevo solo vedere dietro a quella gabbia dove quel mostro ti teneva. Ricordati che a qualcuno manchi tanto, ricordati che qualcuno ti ha amato e che non ti dimenticherÓ mai. Baldone bellissimo, ora corri felice senza catene, senza botte e senza gabbie.
Con tanto affetto, rimarrai sempre nel mio cuore.
TVTB              (2009)

pagina iniziale bairos@tin.it pagina principale di questa sezione