CARLOTTA

Carlotta

17 ottobre 2005 - 12 dicembre 2012


 

Non star disorientata, piccolina!...
Socchiudi gli occhi e lasciati cullare.
L’odore non è il solito, lo so.
Però stavolta sa di Paradiso!

Le braccia del tuo Angelo son forti.
Sono ben salde. Più di quelle mie!
Lui sa per certo cosa deve fare!
Ma io, per sicurezza gli ho parlato:

 <<T’affido la mia cucciola. E’ confusa.
(Dalla sua casa al Ponte… in un sol giorno!...)
Mi raccomando, stalle sempre accanto.
Non la mollare mai! Neanche un secondo!

 Che stia tranquilla! Sia rassicurata!
Sussurrale all’orecchio che la mamma
un giorno arriverà e sarà PER SEMPRE!
Che il Ponte è stallo, momentaneo affido;

 è solo una “stazione” qui vicino
dove l’Arcobaleno nasce e sale.
Consolala se odi dei rumori
di tuoni, temporali, botti o fuochi.

 Stringila forte: trema per paura!
Riempila di coccole e carezze.
Falla danzare, che le piace tanto!
Imita la mia voce, se ci crede,

 e cantale che è il mio grande amore!
E se interrogativa chiederà,
voltando la testina per un lato,
l’altro pezzetto della “sua canzone”

 continua, mentre fai la giravolta,
dicendole che
è il mio amore grande,
e che sarà
sostanza dei miei giorni,
compagna, eternamente, dei miei sogni.

 Dammi notizie sue, di tanto in tanto.
Trova il sistema tu. Sai come fare!
Sei nato Messaggero del Signore…
Spiega le ali e colma i miei silenzi
che soffocano il cuore, senza lei!>>

 Tranquilla, piccolina, m’ha sentita!
Lui mi ha risposto con gli Arcobaleni:
no ne ho mai visti tanti in vita mia!!!
Basta… VOLER capire! (Ed io ci credo!).

        La tua mamma.
Con papà, Francesca e Umberto.
Ciao, AMORE GRANDE!
Sarai PER SEMPRE stretta stretta dentro i nostri cuori!