Comunicato Lega Dif. Cane di ISCHIA
02/03/06

 

LA P.S. SEQUESTRA, SUL PORTO DI ISCHIA, UN'AUTO OVE ERANO STIPATI, IN POCHI METRI, CIRCA 20 CANI!

 

Da anni gli animalisti di Ischia hanno portato all'attenzione delle autorità locali il sospetto trasporto di cani dall'isola alla Germania, per iniziativa degli attuali gestori del "villaggio dei randagi" di Panza, ma mai finora erano riusciti a documentare tale attività.

Stamattina 2-3-2006, in seguito ad una segnalazione anonima, il Presidente della Sezione di Ischia della "Lega Difesa del Cane", Giovan Giuseppe Esposito, ha sorpreso - sul porto d'Ischia - un'automobile di tipo "Bedford", guidata da una donna di nazionalità tedesca, ove erano stipati - in piccole gabbie metalliche - circa 20 cani ed alcuni gatti, in condizioni orribili.

Sul posto sono immediatamente giunti gli uomini della Polizia di Stato, che hanno identificato la conducente della vettura (che intendeva raggiungere la Germania) e l'hanno denunciata, in flagranza, per maltrattamento di animali, poichè i poveri quadrupedi apparivano detenuti in condizioni incompatibili con la loro natura.

A stento, infatti, i fedeli "amici dell'uomo", in spazi così ridotti, riuscivano a respirare e difficilmente avrebbero superato un viaggio in autostrada di circa duemila chilometri.

Sulla vicenda sono in corso ulteriori accertamenti della Polizia, in collaborazione con la Guardia di Finanza, che aveva già avviato una indagine sul presunto "traffico di animali", nei mesi scorsi.

 

pagina iniziale bairos@tin.it pagina principale di questa sezione


p.s. il contenuto di questa sezione è molto importante in quanto la piaga dei traffici di animali verso il nord Europa è molto estesa.
Diffondete più che potete e diffidate di chi si si offre di sistemare animali in Germania, Austria Svizzera o chi mentendovi vi promette facili affidi. Controllate sempre lo stato degli animali nel tempo e non allontanateli dal territorio, perchè ricordatevi che la vostra ignoranza, la vostra indifferenza, la vostra complicità, sarà la loro FINE.
Proseguite nella lettura entrando nella "pagina principale di questa sezione" e contribuite con noi alla diffusione di queste pagine e di questo argomento