Emergenze - Iniziative - Comunicati

a cura di Mara Sardi - responsabile sede GRUPPO BAIRO Onlus Pisa -

indirizzo e-mail:
 gruppobairopisa@bairo.info

NOVEMBRE 2009

 

Come Referente del Gruppo Bairo ho assistito alla conferenza tenuta da Marco Verdone (veterinario omeopata) presso il centro InMetamorfosi a Ospedaletto (PI) su: "Questione Animale, questione morale".
All'interno della Conferenza: Presentazione del libro "Il respiro di Gorgona - storie di uomini, animali e omeopatia nell'ultima isola carcere italiana"

**************************************

Lettera a Luciana Littizzetto in relazione al suo monologo a "Che tempo che fa" Domenica 8 Novembre 2009. Per vederlo:
http://www.youtube.com/watch?v=_iGSOEL1p8c a 8.20 minuti inizia a parlare dell'argomento in questione.

Ciao Luciana,
ti do' del tu perché ormai da anni ogni Domenica entri in casa nostra come un'amica che passa a darci la buonanotte dopo cena...è anche per questo che sono un po' delusa da ciò che ti ho sentito dire Domenica sera durante la gag sui vaccini e cure varie sperimentate sui topi.

Mi chiamo Mara Sardi e faccio parte del Gruppo Bairo Onlus - in difesa degli animali.

Premetto che ho capito che la battuta sugli esperimenti sui topi era un tramite per rendere ancor più esilarante la presa in giro dei medici in tv, ma dato lo strumento importantissimo che hai in mano in quei 15/20 minuti, credo che tu non possa permetterti un errore così grossolano nei riguardi di animali che subiscono test e vivisezioni inumane per conto delle case farmaceutiche....dire che la popolazione dei topi è sanissima perché i medicinali
sono testati su di loro o dire che ogni nuovo vaccino è una buona notizia per i topi, anche se di certo lo hai detto con leggerezza, allontana ancora di più dal telespettatore la già vaghissima idea che ha di quel che accade agli animali che purtroppo finiscono tra le mani degli "scienziati".

Forse per te e per la maggior parte della gente "i topi son solo topi", ma ti posso garantire che hanno un cuore che batte a 1000 quando vengono prelevati dalle anguste gabbie e legati, ed hanno un sistema nervoso che purtroppo permette loro di soffrire proprio come noi quando vengono aperti
(senza neanche uno straccio d'anestesia, ovviamente!)...
Persone come noi che combattono quotidianamente per garantire quel poco di tutela e di diritti agli animali avrebbero tanto bisogno del sostegno di gente intelligente e nota come te, perché il processo di sensibilizzazione riguardo la responsabilità che ognuno di noi ha verso il Pianeta, verso i bambini, verso gli animali e l'ambiente, è ancora tanto, troppo lento.
Grazie dell'attenzione.

Cari Saluti,
Mara Sardi
Referente Gruppo Bairo di Pisa

http://www.bairo.info

 


bairos@tin.it
 

pagina iniziale di questa sezione