Egregi signori
siamo d'accordo con la Lega Anti Vivisezione di non sottovalutare il fenomeno, di non chiamare ragazzata nè episodio spiacevole quelli che sono soltanto un'orrenda crudeltà,  l'abuso su creature innocenti e indifese,  l'aberrazione dell'umanità.
Occorre essere determinati e lucidi, occorre considerare la crudeltà per quello che è: crudeltà.
Nessuna morale sta dietro a questi fatti e nessuna morale starà nel lasciarli impuniti.
 
...............GRUPPO BAIRO Onlus
www.bairo.info

firme dei sostenitori del messaggio:
 

p.s. articolo di cronaca in allegato:  

 

 

CORRIERE ADRIATICO 
10/3/2005

La Lav: "Fenomeno deviante anche se non si trattasse di riti satanici"

Animali seviziati nel parco


FALCONARA (Ancona) - Dalle siringhe ai riti satanici. In questi giorni il Parco Kennedy ha fatto parlare più volte di sé, calamitando in particolare l'attenzione su episodi, definiti da alcuni di satanismo, che hanno visto il verificarsi di azioni violente su animali di piccola taglia. Prima i resti degli uccelli e poi il gatto sgozzato. Raffaella Paoletti, responsabile di zona della Lega Anti Vivisezione invita a non sottovalutare questo fenomeno.
"Di certo - afferma - si tratta di episodi spiacevoli. Penso che non si debba trascurare il problema, indipendentemente dalla questione del rito satanico o della semplice ragazzata, se così vogliamo chiamarla. E' sbagliato ingigantire l'accaduto o trasformarlo in una leggenda metropolitana, assecondando così eventuali manie di protagonismo, però non è neppure giusto mostrarsi indifferenti di fronte a quello che è comunque un gesto di violenza. Meglio contestualizzare il problema, riprendendo e correggendo un atteggiamento deviante".

CHIARA GIACOBELLI

 

pagina iniziale bairos@tin.it torna alla pagina dei messaggi