Egregi signori
abbiamo letto su La Nazione del 25 gennaio scorso che undici cani del comune di Bagno a Ripoli (FI) affidati al canile convenzionato Enarsa sono stati trasferiti dal gestore al canile Le Torrette di Mirandola in provincia di Modena.
Questo passaggio è avvenuto senza informare preventivamente il legittimo proprietario, cioè il comune.
Poichè i traffici di cani da una Regione all'altra, dall'Italia all'estero, dal sud al nord, sono frequenti e per niente chiari in quanto la documentazione o non  c'è o viene falsificata, chiediamo se il comune si è attivato per conoscere la reale situazione degli undici animali posti dalla legge 281 del 14 agosto 1991 sotto la sua diretta tutela.
Soprattutto ci interessa che il benessere dei cani sia garantito perchè tutti sappiamo quanto esteso sia il businnes sulla loro pelle, effettuato da persone senza scrupoli assecondate da amministrazioni complici o indifferenti.
Il trattamento riservato agli animali è indicatore di un'etica e di una civiltà raggiunte o tradite.
Cosa dice Bagno a Ripoli?

........................GRUPPO BAIRO Onlus
www.bairo.info

 

firme dei sostenitori del messaggio:
 

Risposta di Luciano Bartolini sindaco di Bagno a Ripoli e controrisposta del Gruppo Bairo

pagina iniziale bairos@tin.it torna alla pagina dei messaggi