Egregi signori
perchè i cani vengono lasciati vagare nelle strade?
Non c'è una legge che proibisce l'abbandono, che obbliga i comuni  a costruire canili, a tutelare gli animali d'affezione e a combattere il randagismo?
La campagna di sensibilizzazione alla radice è quella prevista dalla legge 281 del 14 agosto 1991 che i comuni non attuano.
Sono quindi i primi responsabili del randagismo in quanto i cattivi cittadini (quelli che non rispettano le leggi) sono sempre possibili ma le cattive amministrazioni (quelle che non rispettano le leggi) non dovrebbero esistere.
Facciamo appello ai buoni cittadini e a coloro che nell'amministrazione sarebbero buoni amministratori gliene fosse permessa la scelta,  affinché la campagna contro l'abbandono preveda:
.  controllo assiduo dei tatuaggi (multe)
.  promozione delle sterilizzazione per i cani padronali onde evitare cucciolate indesiderate e relativi  abbandoni
.  campagna di adozioni
Soltanto usando il verbo agire al posto di quello lamentare, parlare, promettere, si può rispettare la legge, la civiltà e l'umanità tanto sbandierata.

........................GRUPPO BAIRO Onlus
www.bairo.info

 

firme dei sostenitori del messaggio:
 

p.s. articolo di cronaca in allegato

 

LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO (BASILICATA)
 
 
MELFI Il loro numero aumenta quando ci sono i mercati rionali 
Cani randagi: è emergenza
Disagi tra i passanti. Per fortuna non si segnalano aggressioni

 
Melfi (PZ) - I cani randagi presenti per le vie di Melfi stanno diventando un problema. Sempre più numerosi, occupano, non solo le strade alla periferia della città normanna ma, anche quelle del centro cittadino, creando disagi agli utenti che giornalmente fruiscono dei servizi pubblici, delle strade, dei mercati rionali e della villa comunale. Il numero dei cani randagi presenti a Melfi, aumenta stranamente i giorni successivi ai mercati quindicinali. Quando cioè molti acquirenti, provenienti anche dai paesi e dalla regioni limitrofe affollano la zona riservata alle fiere. Al momento non si registrano aggressioni alle persone, ma, è meglio prevenirle affrontando e principalmente risolvendo il problema alla radice con una campagna di sensibilizzazione diretta a quelle persone «poco sensibili» che con molta facilità abbandonano i loro cani nelle strade anziché consegnarli ai canili comunali dei loro paesi. Un atto di civiltà questo che risolverebbe il problema del randagismo, non solo a Melfi, ma, in molti centri della nostra regione. a.p.
 
pagina iniziale bairos@tin.it torna alla pagina dei messaggi