Egregi signori
anche noi come tanti, come tutti quelli che hanno ancora valori e sentimenti, non sono stretti nella morsa d'acciaio di una corazza da robot, esprimiamo con infinito dolore, la  delusione profonda, la nostra accorata e ormai impossibile ribellione.
Sebastiano è morto, anzi è stato ucciso perchè era una cane buono. Ucciso proprio come si uccide una creatura indifesa, innocente che niente può contro i comportamenti barbari, i sentimenti violenti di gente che dovrebbe aver cura degli animali e che invece infierisce su di loro.
Da molte parti d'Italia, dalle  associazioni di volontariato, dai singoli cittadini e perfino da vari ordini e  confederazioni veterinarie vengono denunciate le scorrettezze delle ASL, il mercimonio  di poteri, l'omissione e perfino l'attivo maltrattamento come nel caso di Sebastiano.
I responsabili delle ASL sono cittadini come gli altri e come gli altri sono sottoposti alla legge.
Chiediamo quindi che chi ha ordinato la cattura di Sebastiano e chi l'ha eseguita, contribuendo tutti alla morte violenta del cane, vengano perseguiti in conformità della legge 189/2004 in modo che questo delitto che ha scosso i sentimenti e le coscienze di tante persone, ferito la deontologia professionale e violato le leggi, non debba ripetersi.
Che la vicenda di Sebastiano non sia gettata nel cestino della carta straccia.
 
........................GRUPPO BAIRO Onlus
www.bairo.info
 

firme dei sostenitori del messaggio:
 

cronaca all'indirizzo: http://www.bairo.info/sebastiano.html

 

cronaca sui quotidiani Il Tempo - Il Centro - il Messaggero del 03/09/06
 

pagina iniziale bairos@tin.it torna alla pagina dei messaggi