Egregi Signori.
Ci uniamo al coro di voci che esprimono il dissenso per il prossimo attendamento a Carrara Fiere della Mostra del Cucciolo o Cucciolandia.
Segnaliamo che tale manifestazione avrebbe dovuto avere luogo a Livorno in data 13 ottobre 2007, ma l'Asl competente ha saggiamente deciso di non concedere l'autorizzazione. 
I mezzi d'informazione hanno diffusamente illustrato, sulla base di numerosi e documentati episodi, oggetto anche di segnalazioni all'autorità giudiziaria, tanto le sofferenze e crudeltà a cui sono sottoposti i cuccioli, quanto una serie impressionante di dolorose testimonianze relative ai dopo-fiera da parte di numerosi acquirenti.
Non è più un mistero che i piccoli, provenienti soprattutto dai paesi dell'Est, subiscono ogni sorta di sofferenza sia fisica che psicologica, che vengono imbottiti di farmaci per resistere allo stress di lunghissimi viaggi a bordo di mezzi inidonei, costretti dai loro aguzzini a trascorrere giorni interi chiusi in minuscole gabbie.
La certificazione che li accompagna non è mai veritiera sull'effettiva epoca di nascita e sullo stato di salute, i cuccioli costituiscono esclusivamente uno strumento di lucro.
Durante le manifestazioni commercianti senza scrupoli concordano la cessione di queste bestiole tremanti e terrorizzate e gli organizzatori concludono "sempre" trattative con i visitatori per la cessione dei cuccioli in mostra o talune volte per recapiti successivi (altri cuccioli, altre sofferenze).
Creature svezzate anzitempo, che non hanno completato il ciclo delle vaccinazioni e pertanto prive di difese immunitarie, affette da varie patologie, la cui maggioranza è destinata a morte certa.
Esistono numerosi siti web dove approfondire l'argomento che, peraltro, è stato ampliamente trattato dai mezzi d'informazione. (es. dalla parte del cane )
Occorre contrastare con ogni mezzo questa crudeltà impedendo a questi delinquenti di proseguire il loro commercio ignobile a discapito di indifese vite innocenti.
E' consigliabile che i cittadini di Carrara, desiderosi della compagnia di una bestiola, non acquistino animali ma si rivolgano al canile comunale dove sono in attesa d'adozione tanti piccoli sfortunati, vittime di abbandoni, che soffrono per il tradimento dei loro compagni umani (?).  
Numerosi sindaci hanno emesso apposite ordinanze vietando tali mostre sul territorio comunale.
Un esempio recente è offerto dal Sindaco di Cremona, Gian Carlo Corada (Comunicato del 04/10/2007).
Vi invitiamo ad un'attenta riflessione  e confidiamo nel Vostro alto senso di civiltà.
Ringraziamo per l'attenzione.


........................GRUPPO BAIRO Onlus
www.bairo.info
 

firme dei sostenitori del messaggio
 

pagina iniziale bairos@tin.it torna alla pagina dei messaggi