Egregi Signori.
Purtroppo dobbiamo constatare una volta di più che esistono in Italia, paese del diritto, leggi di prima e di ultima categoria. Come dire che la legge la fa ognuno di noi, che il paese del diritto è solo sulla carta e la salvezza degli animali, per i vigili di Milano, è un'opzione.
E' pervenuta presso la nostra sede la testimonianza che alleghiamo e che ci lascia allibiti.
Un cane chiuso in auto, con finestrini sigillati in una giornata calda e afosa,  rientra nei casi di maltrattamento di animali oppure no, in base alla legge n. 473 del 22 novembre 1993, art. 727?
L'art. 333 del codice di procedura penale in relazione alla "denuncia da parte dei privati " dispone, tra l'altro, che "Ogni persona che ha notizia di un reato perseguibile d'ufficio può farne denuncia"; "La denuncia può essere presentata per iscritto o oralmente, personalmente o per mezzi di un procuratore speciale, indirizzata al Pubblico Ministero, o Ufficio di Polizia giudiziaria".
Entrambi gli articoli sono stati disattesi dalle autorità preposte, pur avendo ricevuto regolare richiesta d'aiuto da parte di una privata cittadina che aveva visto la bestiola ansimare nell'abitacolo dell'auto per oltre un'ora.
I cittadini, i lettori e i tanti, venuti a conoscenza di questo increscioso episodio che offende la sensibilità, la dignità e il rispetto nei confronti degli animali, chiedono giustizia.
Pretendono che anche gli addetti al rispetto delle leggi rispettino le leggi. 
 
........................GRUPPO BAIRO Onlus
 

Firme dei sostenitori del messaggio: 

Testimonianza in allegato
 

Spett.le Associazione Gruppo Bairo Onlus

Vi informo che venerdì 18 c.m. mi è successo ciò che vi espongo:

Alle ore 16.45, in via Pietro Colletta a Milano, noto la presenza di una golf Rossa  parcheggiata sul marciapiede con a bordo un cane. Visti i finestrini sigillati e la giornata molto calda e afosa, ho chiamato immediatamente il 113 spiegando la situazione. Mi viene dato il numero di telefono dei vigili  che chiamo subito e a cui chiedo il loro tempestivo intervento.
Trascorrono altri 45 minuti nei quali nessun vigile si fa vivo a seguito della mia richiesta. Nel frattempo il cane è sempre chiuso in auto. Il proprietario dell'animale arriva dopo altri 15 minuti: sale in macchina e se ne va. Ricontatto la polizia municipale a cui chiedo di poter far una denuncia, ma mi rispondono che non si accettano denuncie verbali.
Tutti gli anni nel periodo estivo molti cani muoiono perchè rinchiusi nelle auto sotto il sole. Le campagne d'informazione raccomandano di segnalare immediatamente ai vigili queste situazioni ed io come cittadina con dei doveri ma anche dei diritti, sono rimasta molto delusa, per il completo disinteresse dimostratomi.
Chiedo pertanto la vostra attenzione a questa mia testimonianza rimasta completamente disattesa dalle autorità competenti a cui mi sono rivolta, affinchè si possa garantire anche agli animali la massima tutela.
cordiali saluti
Deborah Bianchi Pantigliate-Milano.
 
home bairos@tin.it torna alla pagina dei messaggi