Egregi signori
Leggendo l'articolo allegato che, naturalmente, ci lascia sbigottiti (ma non dovremmo!), vogliamo aggiungere alcune nostre riflessioni.
Ovvero: per equità verso noi umani costituiti, si dice, di corpo e di anima, ci interessa far notare che se il nostro corpo (che si nutre di materia) soffre  mangiando cibi invasi dai vermi, dolci pieni di ragnatele, funghi ammuffiti e perfino piccoli topi morti nelle confezioni di pop corn, uova destinate al consumo animale che vengono vendute comunque nei supermercati,  riso pieno di parassiti e  insaccati con additivi chimici fuori norma; ecc.ecc. la nostra anima/coscienza (che si nutre di etica e di giustizia)  dovrebbe inorridire sapendo a chi sono sottratti e in che modo sono sottratti ai legittimi proprietari, i nostri cibi.
Sinteticamente, nella nostra dolce, tenera, accorata Italia, succede che:
  • agnellini appena nati vengano strappati alle madri, sgozzati e lasciati appesi agonizzanti a dissanguare per ore prima della morte; 
  • scrofe siano imprigionate, durante le loro continue gestazioni, in anguste gabbie con sbarre aderenti al corpo che impediscono loro qualsiasi movimento, mutilate con il taglio della coda  e il taglio o la limatura dei denti;
  • crostacei  vengano bolliti vivi
  • oche e anatre siano confinate in gabbie di rete di pochi centimetri, alimentate a forza con un tubo di 28 centimetri infilato in gola fino al disfacimento del fegato, uccise in bagni di acqua elettrificata; milioni di anatroccoli femmina eliminati nelle macchine frantumatrici;
  • anguille vengano spellate vive
  • vitelli siano allevati in box singoli, legati a catena, alla luce artificiale, alimentati con cibo esclusivamente liquido che non permette l'entrata in funzione di tre dei quattro stomaci, soggetti a massicci trattamenti farmacologici; 
  • bufalotti neonati vengano dispersi nei campi, lasciati morire di fame, sepolti vivi o soffocati con la paglia, perchè improduttivi (non fanno il latte per la mozzarella);
  • pulcini maschi delle galline ovaiole siano eliminati dalla macchina trita-pulcini perchè improduttivi (non fanno le uova);
  • e tanto altro ancora di sofferenza animale e ignominia umana.
Insieme ai nostri corpi allarmiamo allora le nostre coscienze, cambiamo le nostre abitudini, imponiamo i nostri bisogni etici, perchè è dalla nostra indignazione e dal nostro mutamento che muteranno le orride leggi del mercato per salvaguardare noi ma anche le nostre vittime.
 
........................GRUPPO BAIRO Onlus
www.bairo.info

Firme dei sostenitori del messaggio: 
 

p.s. articolo di cronaca in allegato

 
 
DA LIBERO - 15 LUGLIO 2004
 
La truffa dei cibi taroccati Affare da 100 milioni di euro
ROMA - E' scattato l'allarme sui rischi che quotidianamente corriamo sedendoci a tavola e consumando un pasto. Cibi invasi dai vermi, dolci pieni di ragnatele, funghi ammuffiti e perfino piccoli topi morti nelle confezioni di pop corn: secondo il rapporto " Truffe a tavola 2004" è possibile imbattersi in tutto questo ogni giorno. Il monito arriva da Salute& Gusto, lo sportello informativo sulla sicurezza alimentare del Movimento del Cittadino, in collaborazione con Legambiente e col Ministero delle Attività Produttive. Secondo i dati del 2002, il valore dei sequestri effettuati superava i 102 milioni di euro per più di 15 mila infrazioni accertate. In particolare le segnalazioni mettono in guardia dalle macellerie sporche, dai magazzini non a norma e dai forni con presenza di amianto. Tra i cibi attenzione alle uova destinate al consumo animale che vengono vendute comunque nei supermercati, al riso pieno di parassiti e agli insaccati con additivi chimici fuori norma. Il rapporto non tralascia anche di citare la presenza, specialmente nei prodotto dolciari, di organismi geneticamente modificati oltre i limiti di legge e i medicinali importati dalla Cina, somministrati illegalmente agli animali.

 

home bairos@tin.it torna alla pagina dei messaggi