dalla Mailing list del GRUPPO BAIRO

 

 

 

 

ottobre 2010
Oggetto: Le associazioni animaliste romane... ma quando li cacciate???
 

da Claudia da Roma: (messaggio che Claudia ha inviato alle istituzioni e a noi per conoscenza)
 
 
Questa è ROMA CAPITALE? Che li pagate a fare la Bedini all'UDA e i "volontari" di AVCPP con la squadra monitoraggio sul territorio?
 
Roma – Cittadini disperati tra i gorghi per salvare Mosè, vivo solo grazie all’intervento dei Carabinieri
Vi segnalo questi passaggi:
 
"A nulla sono valse le segnalazioni all’Ufficio Diritti Animali del Comune ed alle associazioni."
 
"Relativamente alle voci, riprese ieri da alcune agenzie di stampa, circa il mancato interessamento da parte delle associazioni di protezione degli animali, GeaPress sottolinea, in effetti,  che corrisponde al vero che tali lamentele siano state da più parti avanzate. Parrebbe, a questo proposito, che anche i Carabinieri abbiano cercato in tal senso una assistenza."
 
"Al di là delle inadempienze, sta di fatto che a Roma, capitale d’Italia, un cane cade (ammesso che così sia andato) nel fiume e rimane due giorni a mollo tenuto in vita dai cittadini in barchetta tra i gorghi del fiume."
 
Rivoglio indietro tutti i mie $oldi di ICI che ho pagato per 20 anni all'Amministrazione Comunale, rivoglio indietro tutti i $oldi pagati di bollette TARSU, di ACEA e di tutti i balzelli che ho pagato per foraggiare queste "onlus" del piffero... o siete troppo impegnati a trovare le somme necessarie per pagare ai "volontari" gli arretrati di stipendi faraonici, gli abiti da lavoro, la tintoria, i buoni pasto, le consulenze amministrative, legali, tecniche, i lavori a progetto, il ravvedimento operoso, le visite fiscali, ect., etc.?
CHE VERGOGNA...
Claudia

--
"L'animale non sarà mai a misura d'uomo. In un mondo più antico e più completo del nostro, gli animali si muovono perfetti e completi, dotati di una estensione dei sensi che noi abbiamo perduto o non abbiamo mai raggiunto, vivendo in base a voci che noi non udremo mai. Non sono fratelli, non sono subordinati: sono nazioni diverse, impigliate insieme a noi nella rete della vita e del tempo, compagni di prigionia dello splendore e del travaglio della terra" Henry Beston - The Outermost House
 

da Giorgia da Civitanova Marche (MC):
 

grande Claudia
giorgia, Civitanova M.

 

da Manuel da Roma:


Seguo tutti i tuoi interventi Claudia e non posso che essere orgoglioso di essere italiano quando ti leggo, perchè voglio sperare che di persone dirette e trasparenti come te ce ne siano. Sarà forse un'utopia, ma voglio crederci. 
Grazie Bairo per averci fatto conoscere - oltre ai vivisettori, animalari iscritti di cui non mi esprimo - Claudia di Roma di cui nutro grande stima.
Manuel    Trento  
 
 
da Eleonora da Roma:

 
Concordo con Manuel!
 
 
da Roberta da Roma a Claudia da Roma:
 
 
Sto ripulendo il pc e quindi leggo con ritardo queste mail anche per assenza. Claudia dovrebbe sapere che spesso all'Uda (ridotto a un fantasma di se stesso in pochi mesi, dopo 10 anni di lavoro per organizzarlo bene o male) non fanno neanche arrivare le telefonate. I mezzi non ci sono, quelli della Muratella cui avevano promesso i soldi a giugno fino a ottobre  non erano stati pagati. Non vorremmo che si facesse di tutto una questione politica. Le associazioni scrivono, denunciano, vorrebbero essere convocate macchè. Democrazia impone il silenzio e il non dialogo. Se un volontario vive a Roma non può non sapere che da più di 2 anni sono i volontari privati e associati che corrono nelle emergenze. Non solo, spesso non si chiamano aiuti perchè c'è il dubbio che gli animali salvati vadano a finire male. Ma se caricarsi e dividersi qualche cane o gatto tra pensione o stallo si fa, è difficile gestire i grandi numeri. Siamo sfiniti, disgustati. Gli addetti ai lavori sanno come stanno realmente le cose, e non stanno affatto bene. Siamo caduti dalla padella nella brace. Qui degli animali se ne infischiano, intere colonie feline stanno scomparendo.L'oasi che manteniamo con i soldini pubblici ha un alto tasso di mortalità, a pagamento, per aiutare ci si sono messi anche i cani di un terreno demaniale vicino, lasciati vagare da chi se n'è appropriato, alla faccia di volontari che si fanno in 4 per trovare un posto dove mettere gli animali, cani che hanno sbranato un numero imprecisato di gatti. Tutte le mattine le volontarie trovavano gatti morti. Lo sa Claudia?
Per favore, non giriamo il coltello nella piaga.
 

da Federica da Roma:

 
Aggiungo all'intervento di Roberta che la squadra monitoraggio sul territorio non esiste più da oltre un anno e non era una squadra di pronto intervento, ma una squadra che monitorava le segnalazioni di maltrattamento. Al di là di ciò, per cose del genere non devono intervire l'uda o i volontari, ma le forze dell'ordine e i vigili del fuoco. Mi domando perchè le persone che hanno tenuto in vita il cane per due giorni non abbiano subito chiamato chi di dovere. L'uda è un ufficio comunale e Bedini è una dipendente del comune che il sabato e la domenica è chiuso. Per necessità di pronto intervento si chiamano le forze dell'ordine no gli uffici comunali o i volontari. Se dei teppisti rovinano le aiuole di un parco chiamo le forze dell'ordine o il servizio giardini? o greenpeace??
 
 
da Claudia da Roma:

 
 
Per Roberta:
non ho capito se ci fai o ci sei...
Dopo anni di spese folli, per esempio vedi nel Bilancio 2006 di AVCPP i 35 mila euro spesi per la tintoria dei "volontari" e non certo per sterilizzare i cani della collina Alitalia che stazionano a soli 100 mt. dal canile di Muratella e che allora erano 4 ed oggi sono 40, evidentemente i soldi sono finiti che dici? I cani che hanno sotto il naso sono stati ignorati per oltre 10 anni???
Sei così vicina a questa pseudo "onlus" e al sistema clientelare messo su negli anni 90, che devi a tutti i costi difendere l'indifendibile?
Cani che muoiono tutti i giorni lasciati a se stessi da 15 anni, cittadini che da anni fanno richeste di aiuto che vengono puntualmente ignorate, "volontari" che dovrebbero curarsi anche dei cosidetti cani liberi ed accuditi con furgoni pagati profumatamente (la famosa "squadra sul territorio" FANTASMA)(benzina/assicurazioni/pedaggi/meccanica/lavaggio/multe varie) mentre vengono amorevolmente accuditi dai cittadini volenterosi a proprie spese... e per fortuna perché chissà che fine avrebbero fatto! 
E poi perché la butti sempre sulla politica? Qui si parla solo ed esclusivamente di animali e di speculatori/mercenari che negli ultimi 15 anni ci hanno fatto fortuna sulla pelle di queste povere vittime!
Evidentemente hai la coscienza sporca...
Facci la cortesia di non scrivere stronzate (almeno non fai la figura dell'imbecille), visto che l'UDA non è mai esistito concretamente, te lo posso garantire come cittadina che se l'è sempre dovuta cavare da sola con le situazione di emergenza e maltrattamenti, ERA SOLO UNA OPERAZIONE DI FACCIATA questo fantomatico UDA di cui ti riempi tanto la bocca...
Peccato che non sia la sola ad avere avuto sempre e solo esperienze negative quando ho provato a contattare il fantasma UDA e il "canile modello" di Muratella...
Erano tutti impegnati a dormire nei magazzini sui sacchi del cibo e a preoccuparsi di riscuotere i lauti stipendi... Non sono da pagare gli arretrati degli stipendi dei mercenari ma sono da cacciare tutti direttamente visti i risultati di questa malagestione: bisognerebbe fare TABULA RASA DI QUESTA VERGOGNA I CANI AVREBBERO SOLO DA GUADAGNARCI!
Claudia

 
da Roberta da Roma:


 
Ringrazio per lo scarso rispetto dimostrato da Claudia. Ognuno ha le sue testimonianze, al di fuori della politica visto che non voto. Ti posso solo dire che se prima si batteva la fiacca ora ce li rimpiangiamo addirittura! Quello che vedo nel mio quartiere, sento da chi ha preso cani alla Muratella è che i cani sono stati dati bene,  a Roma, visto che ci tenete, da persone che li hanno curati quando li hanno scoperti con la leishmaniosi (li potevano anche riportare  erano fallati). Hanno fatto i controlli, più o meno bene, è opinabile.  Ora sono costretti a darli alle liste nere è meglio? Si sa che attorno ai politici girano amici-elettori, prima da una parte ora dall'altra. La colpa è di noi cittadini privi di dignità. Aggiungo che senza mai chiedere nulla, da semplice volontaria, ebbi sacchi di mangime per un rifugio in difficoltà che aiutavo, sacchi di mangime per una volontaria fuori Roma, in provincia, che s'è vista arrivare il camioncino del Comune. Ed erano due situazioni veramente bisognose che erano arrivate alle orecchie dell'assessore competente. Nessun voto di scambio. Ognuno è libero di votare o no. E tra di noi chi non vota è quasi la maggioranza. Adesso i sacchi di mangime ce li possiamo sognare. Non ci sono soldi....
Il linguaggio violento e offensivo ti è congeniale o ti ci sforzi?   Come dice un professore di scienze politiche si può non concordare con una persona ma si deve rispettarla. Ma ora va di moda far coincidere la persona con le situazioni che rappresenta e se non si è d'accordo è nemica. E' proprio la mentalità di certi politici ben chiusi al dialogo con i cittadini.
 
 
da Federica da Roma:
 

L'Uda di Roma è esistito davvero e ha funzionato. Credo che nella valutazione di un associazione/ufficio sia necessario sentire più campane e più esperienze. Per quel che mi riguarda, l'Uda ha aiutato tante persone e in altre situazioni non è riuscito a fare niente come penso sia successo in molte altre città. Non tutti sanno che l'Uda di Roma nei tempi d'oro era composto da 6/7 persone operative sul territorio, metà per i cani liberi accuditi e metà per le segnalazioni di maltrattamento. Oggi non esiste più nulla. I cani liberi accuditi venivano prelevati dalla "squadra" (2/3 persone), portati a sterilizzare e riportati sul territorio dove il referente che aveva fatto la richiesta di cane libero accudito si occupava di lui. Le segnalazioni di maltrattamento venivano verificate dalla "squadra" (2/3 persone) e dove possibile risolte, ma dove non arrivava la "squadra" dovevano subentrare le forze dell'ordine ed era lì che la maggior parte delle volte si bloccava tutto. L'Uda era solo un intermediario tra cittadino e forze dell'ordine competenti (vigili urbani per lo più) non era una squadra di pronto intervento che poteva andare, sequestrare, sanzionare, etc etc. Non aveva alcun potere. E avete idea di quanto sia grande Roma?? 6 persone per tutto il territorio di Roma. Significa che se un giorno vai a Roma nord non ci arrivi a battere anche Roma sud. Mi spiace che l'unica testimone del fallimento dell'Uda sia Claudia e che non ci sia nessuno oltre me e Roberta che possa sostenere il contrario. Per quanto si poteva fare l'Uda, nella vecchia amministrazione comunale, ha fatto, poi è stato ridotto ai minimi termini ed ora non resta più nulla. Certo, per funzionare al meglio avrebbe avuto bisogno di molte più persone operative sul territorio, ma ora non ci sono neanche quelle che c'erano. Io credo che in giro non ci siano solo persone avvelenate come Claudia, ma anche rammaricate perché non si è potuto proseguire quello che è stato fatto e migliorarlo costruendo qualcosa di più grande e più efficiente. Ed ora è inutile pretendere dall'Uda. Pretendiamo da chi ha fatto sì che quel poco che c'era sia finito nel nulla.

 
da Claudia da Roma:


 
per Roberta:
Con le tue farneticanti dichiarazioni, sei proprio tu che hai scarso rispetto per chi come gli animali è in difficoltà fin dal 1994, anno in cui la precedente gestione comunale ha deciso di "prendersi cura" degli interessi soprattutto umani....
Non fare la falsa moralista e apri gli occhi mia cara: cara la mia laureata in scienze politiche che si fa scudo dietro all'ipocrisia che giustifica, purtroppo ancora oggi, il maltrattamento e la malversazione a danno degli animali.
Di quali voti parli? Di quali amici politici parli? Dei tuoi probabilmente...
Ma di che parli? Non cercare di spostare l'argomento su temi politici
Io parlo solo di animali e di chi li sfrutta, per esempio ecco qualche nome di chi ci si arricchisce da oltre 15 anni, uscito sul web già da tempo:
 
GLI STIPENDI DEI "VOLONTARI" AVCPP - ASSOCIAZIONE VOLONTARI CANILE DI PORTA PORTESE
Vorrei però dare delle informazioni precise su quanti sono i soldi di cui si appropiano speculando sui cani. Questi sono i soldi finiti nelle loro tasche il 20 maggio:
Ilaria Z.responsabile delle adozioni 2.267,00€
Leonardo D. responsabile degli acquisti 2.224,00€
Alessia V. responsabile degli ausiliari di Muratella 1.900,00€
Beatrice S. responsabile del POverello 1.884,00€
Silvia R. responsabile delle adozioni (lavora part-time)1.100,00€
Daniele C. responsabile dei terapisti 1.4443,00€
Azzurra B. responsabile di segreteria 1.163,00
Queste sono le cifre che si mettono in tasca e che provengono dal Comune di Roma per i cani.
ATTENZIONE questi sono il netto, dovete moltiplicare per 2 per il costo vero e avrete le cifre assurde rubate ai cani!
Gli stipendi dei lavoratori che si prendono cura dei cani sono di circa 800-950€ al mese.E' chiaro che alcuni lavorano e altri lucrano sui cani!
Cosa aspettiamo ancora a combattere questa zoomafia?
Basta al business sui cani!"
 
parliamo di maggio 2009...
Forse se si fossero messi una mano sulla coscienza prima e si fossero assegnati stipendi degni di una vera onlus oggi non saremmo in questa situazione! Ma non credo proprio che questa gente abbia una coscienza...
COMPLIMENTI ROBERTA PER LA TUA FACCIA TOSTA...
Claudia
 
 
da Claudia da Roma:


 
Cara Federica, visto che racconti le favolette ti invito ad aprire gli occhi e a parlare con chi di animali si occupa realmente, non con chi come te e Roberta, evidentemente vi occupate solo di operazioni demagogiche. L'UDA esiteva per prendersi i $oldi, per avere dipendenti, per avere linee telefoniche mai disponibili, per avere squadre mai viste sul territorio, né sentito di 1 solo intervento tra chi si occupa di animali feriti, abbandonati o deceduti, facevano a moina come si dice a Napoli... Sai cosa mi hanno risposto anni fa in via Aldrovandi dopo aver segnalato continuamente per 5 settimane dopo molteplici fax e con continue telefonate per sollecitare (la linea era perennemente occupata o se libera non rispondeva nessuno...e hanno risposto solo 1 volta) la carcassa di un cane investito sul ciglio di una strada? "Non si preoccupi, tanto fa freddo e non si decompone, stia tranquilla". Ero una rompiscatole non una che si preoccupava di un povero animale che ha trovato morto...
Sei tu quella avvelenata, avvelenata da anni di ipocrisia, di falso moralismo e di falso animalismo. Sgombra la tua testa dalle nebbie dell'immobilismo e del clientelismo!
Negli anni d'oro del sacco di Roma a danno degli animali, per avere un intervento dell'UDA ci sono persone che hanno atteso ben 13 ore... perché non ti informi?
Non farmi ridere per cortesia! Dov'erano i "volontari" ben retribuiti?
Forse come dice questo volontario vero:
"Esiste, però, un comune denominatore: IL SILENZIO assoluto che avvolge la gestione dei cani, non rivolgendomi esclusivamente alla silente associazione quale causa di tutti i mali, sarebbe troppo facile e scorretto, ma anche a molti di coloro che dei cani "dovrebbero" occuparsene, per lavoro e che, invece, continuano a restare lì solo per conservare il loro bel contratto a tempo indeterminato, magari semplicemente dormendo, tutt'oggi, sui sacchi di cibo in magazzino...che spettacolo!
Tra mille polemiche e rivelazioni mi pare che tutti rimangano fermamente interessati ai canili ed alla loro gestione...naturalmente lo fanno tutti per i cani...vivi o morti che siano."
 
"Ma dove, ad esempio, nei Canili Comunali di Roma gestiti da AVCPP, si arrivino a spendere € 3.827.000 annui per la gestione delle strutture (compresa la pulizia dei box) a fronte di € 451.000 annui spesi per i cani (spese per cibo acqua e medicinali) e ciononostante si chieda ai volontari di pulire i box, credo proprio che qualcosa non torni, non crede?"

Si tengono aperte strutture come la Valle dei Cuccioli per dare vivisibiltà 6/7 cani, che non sono nemmeno cuccioli, in spregio di tutte le normative sugli animali per gli animali secondo te? Gli animali si sbranano tra loro anche lì, ma lì qualcuno da fuori ha sentito ed ha chiamato i vigili urbani... mentre nelle altre strutture, tutte periferiche ed isolate, accadono anche cose più cruente coperte dall'omertà e dalla complicità di chi ci guadagna e di chi ha paura di perdere il posto di lavoro da "volontario" della onlus... 
I cavalli con le botticelle, un business non gestito da questa cupola di animalisti, sono da eliminare e c'è chi piange artatamente su poveri cavalli morti per la strada, ma dov'era l'UDA negli anni del sacco di Roma, quando i cavalli morivano sulle strade esattamente come oggi? E soprattutto perché i maltrattamenti ai cavalli sono al centro dell'attenzione solo oggi? Mentre i cani non interessano? Quello dei cani è un ramo d'azienda già acquisito e si può contare sulla complicità, l'indifferenza e l'omertà di tutti coloro che ci campano alla grande....
Sembrerebbe una barzelletta assurda se non ci fosse da piangere per i poveri cani e gli altri animali vittime di questa speculazione.
Claudia

da Federica da Roma:


Cara Claudia, intanto stai molto tranquilla e abbassa i toni. Comprendo la rabbia che hai perchè tante situazioni finiscono male, perchè non sempre trovi gente che ti aiuta, neanche chi sarebbe tenuto, ma questo non ti dà diritto di offendere le persone. Hai una guerra personale contro Avcpp e questo è evidente. Tante sono le associazioni a Roma e tante le situazioni che fanno acqua da tutte le parti, ma tu ti accanisci solo su Avcpp. Perchè non te la prendi anche con Parrelli o con Casa Luca per fare due nomi a caso? O anche con la Lav o con l'Enpa, sono associazioni che prendono soldi anche quelle no? Io ho lavorato per l'Uda che tu critichi tanto, ho fatto parte di quella squadra che tu asserisci non esista, ho risposto tante volte a quel telefono che tu sostieni non rispondere mai. Ho girato Roma in lungo e in largo, nei posti più squallidi e malfamati perchè è lì che esiste la maggior parte delle situazioni disastrose, col caldo e col freddo, sotto la pioggia e il sole cocente. Ho immerso i miei piedi nel fango dei campi nomadi e nell'immondizia che si raccoglie sotto le baracche per recuperare cani, cuccioli e anche carcasse. Ho visto l'alba sulla collina alitalia per le catture dei randagi e ho riportato gli stessi randagi dopo la sterilizzazione tra i ringraziamenti delle persone che erano lì ad aspettare. Ho visto situazioni risolversi e in altri casi sono rimasta impotente di fronte all'impossibilità di fare qualcosa di più. L'Uda non era addetto a recuperare animali morti, per quello c'è la Asl. Idem per gli animali feriti, anche se tante volte sono andata personalmente a recuperarli. Ma non era mio compito. Non era il compito dell'Uda. Io mi sono sporcata le mani proprio come te, e continuo a sporcarmele, non mi occupo di "operazioni demagogiche" e nella mia testa non c'è "la nebbia dell'immobilismo e del clientelismo", c'è un'esperienza di lavoro fatta con serietà e che mi ha insegnato tanto. Io non ero una volontaria, ero una lavoratrice e venivo pagata per quello che facevo perchè lo facevo a tempo pieno e non mi sento in difetto per aver preso uno stipendio per quello che facevo, era il mio lavoro, mi piaceva farlo e mi dava da mangiare, poco ma me lo dava. E come me quelli che lavoravano con me. E ti assicuro che nessuno trascorreva le giornate a dormire sui sacchi di cibo in magazzino. E le maniche ce le siamo rotolate tante volte perchè mancavano i mezzi, ma in qualche modo bisognava andare avanti. Eravamo una goccia in mezzo al mare, ma qualcosa riuscivamo a farla.
Non faccio parte di Avcpp e sono certa che l'associazione avrà le sue colpe e che tante cose risultano oscure se non ci si trova dentro, ma ti posso assicurare che il canile scoppiava quando ci stavo io, e che avevamo i cani e i gatti anche nei bagni perchè gabbie libere non ce n'erano. E quando i nas hanno fatto il loro blitz hanno trovato la stessa medesima situazione che c'era quando ci lavoravo io, troppi animali e troppi pochi posti. Ma nessuno lì dentro pensa di tenersi gli animali per farci più soldi, altrimenti non ci sarebbe nessuna lista d'attesa e nessun blocco delle entrate, e la gente non sarebbe incazzata perchè quando trova un cane il canile non lo prende. Quelli che entrano sono animali feriti o morsicatori e li porta dentro la Asl, così come è la Asl a decidere sull'eutanasia di un cane, così come è la Asl a fare le visite agli animali. E personalmente ho assistito tante volte a scontri tra l'associazione e la Asl. Se lavori a tempo pieno la volontariala la fai il sabato e la domenica... se ci riesci. Perchè quando lavori a tempo pieno a mala pena riesci a stare dietro ai tuoi animali. Ma durante la settimana bisognerà che qualcuno si occupi dei cani e dei gatti che stanno nei rifugi/canili/gattili? E' un lavoro anche quello. Un canile non può stare in piedi solo con i volontari, ci vuole la gente che ci lavora a tempo pieno. Il parco canile di Milano, eccellenza italiana, è fatto solo di volontari? Non si può vivere di volontariato, siamo realisti. La gente per mangiare deve lavorare e, se fatto onestamente, è un lavoro anche quello.

 
 
da Bairo:
 
 
"Il parco canile di Milano, eccellenza italiana".............Federica è di Roma e noi di Milano........Mi giunge nuova questa sua affermazione....mah!!!!
 
 
da Eleonora da Roma:
 
 
Cara Federica, non capisco perché quando qualcuno, come Claudia, parla di fatti accaduti (con testimoni) e di bilanci non trasparenti (depositati anche alla Regione Lazio), questo automaticamente voglia dire una "guerra personale". Chi ha a cuore i cani cerca di aiutarli portando alla luce la verità: non sono "guerre personali", sono "battaglie" per stare dalla parte degli innocenti che non possono parlare, ma che ti assicuro a volte hanno urlato (ci sono testimoni anche di questo). E te lo dice chi, per aiutare quei cani, ha contestato per iscritto in assemblea il bilancio e che per questo è stata radiata dall'associazione alla faccia della democrazia e della trasparenza. Di cosa hai paura Federica? Della verità scomoda?
La tattica di farla passare per una "guerra personale" è vecchia, già usata ampiamente da chi difendi tanto, cara Federica.
 
 
da Enrica da Cremona:


 
Abbiamo giusto adottato un cane dall'eccellente canile qualche anno fa.....ancora adesso stiamo aspettando il famoso controllo post affido che ci avevano garantito da subito. Naturalmente nessun controllo pre affido....ci mancherebbe.....neanche sanno dove avrebbe vissuto la bestiola e neppure sono al corrente se è viva o morta!!
Già questo è un punto a sfavore dell'eccellenza.....visto che pubblicizzano sempre la rigidità dei controlli..........
Ma Federica ha mai visto il canile di Milano?
I box sono talmente dispersivi che gli animali non riescono neppure a vedersi. Assomigliano molto a stanzini asettici con vetri tipo "negozio per vendita cani"....
Il gelo tutto nordico traspare dalla struttura che da l'impressione di lontananza e mette quasi soggezione.
Se questa è l'eccellenza italiana stiamo freschi...
Enrica
 

da Claudia da Roma con allegati:
 

Cara Federica, sembri avere la coda di paglia!
Nessuna guerra personale ma solo tanto sdegno e tanto schifo per chi come la maggior parte di chi lavora (serbatoio clientelare di voti per chi ci si è fatto casa, quella di Propaganda Fide, dietro piazza di Spagna) nel volontariato e ci ha inzuppato il biscottino a danno degli animali!
So bene che a Roma ci sono almeno altre 20 associazioni e associazioncine, non ci facciamo mancare niente per prendere per il culo i cittadini, tranne i soldi pubblici che girano a go go, milioni di euro annui a fondo perduto perché non è richiesta alcuna rendicontazione e quello di AVCPP è solo il caso più eclatante e più famigerato...
E' solo l'esempio paradigmatico cara la mia "volontaria" retribuita: non sarebbe più onesto e coerente essere chiamata dipendente? Che ipocrisa vero?
Oggi anche tu lavori in qualche altra associazione visto che non sei più all'UDA? E quanto guadagni? Quanto guadagnavi all'UDA? Perché non ce lo dici? E soprattutto che competenze avevi per fare il tuo lavoro? Hai vinto un concorso a titoli e per merito? Hai fatto un vero e proprio colloquio per l'assunzione, atto a stabilire se tu fossi o meno in grado o avessi l'attitudine per relazionarti con l'alterità animale? Oppure ti ci sei trovata per caso e per conoscenza o perché sei intima amica di qualcuna che conta?
Ecco chi sono le vere le vittime del sistema messo su in anni ed anni malversazione, quello che viene spacciato  per l'eccellenza e la professionalità della gestione degli animali...per i quali il Comune di Roma stanzia ben 8 milioni di euro annui.
Non ti sembrano un pò troppi per ottenere questi risultati?
Claudia

 

da Federica da Roma:


Cara Eleonora,
non ho paura di nulla, perchè dovrei? Anch'io come Claudia parlo di cose accadute relamente senza mettere in dubbio che ci siano state situazioni poco trasparenti che riguardano Avcpp. Io sono testimone della mia esperienza personale. Non difendo nessuno se non quello di cui ho fatto parte negli anni in cui ne ho fatto parte. Se l'Avcpp dovesse essere allontanata e sostituita con qualcuno che saprà fare meglio ben venga, sarò più contenta anch'io. Ma Avcpp è solo il caso più eclatante, come ha affermato Claudia. E va bene portare alla luce ciò che non va, ma prendiamocela anche con tutte le altre associazioni romane che ti assicuro fanno ancor meno e dove gli animali stanno peggio. E' per questo che appare come una guerra personale, perché si parla solo e continuamente di Avcpp. In qualsiasi argomento trattato salta fuori il bilancio di Avcpp. L'intervento s'intitola "Le associazioni animaliste romane... ma quando li cacciate???" e di chi si parla? di Avcpp. E ai buchi neri di Avcpp si associa l'Uda e questo non è giusto. L'Uda ha fatto. Poco? Forse si, ma per i mezzi che aveva ha fatto quello che poteva fare. E i soldi che giravano nell'Avcpp non erano utilizzati per pagare chi lavorava nell'Uda. Avcpp non è Uda. Infatti l'Uda oggi non c'è più.

Cara Enrica e Bairo,
non ho mai visto il canile di Milano, ma questo passa tra i media, che è una struttura d'eccellenza, ne parla bene chiunque. Se dite che non è così ovviamente ci credo, ma perché allora si sentono e si vedono solo cose positive riguardo questa struttura?
http://ilmondodiclo.myblog.it/archive/2008/07/11/parco-canile-del-comune-di-milano.html
http://www.lastampa.it/lazampa/girata.asp?ID_blog=164&ID_articolo=520&ID_sezione=339&sezione=News
Questi sono solo due articoli presi a caso... Bisogna che la gente sappia allora che non è così "bello" come si dice (per quanto un canile possa essere "bello").

Cara Claudia,
non sono stata una volontaria retribuita, ma una dipendente, credo di essere stata abbastanza chiara. E non ho nessuna coda di paglia, non capisco da cosa tu evinca questo. Sono entrata facendo un regolare colloquio per svolgere il servizio civile (a 400 euro più o meno) e sono rimasta poi l'anno successivo a 600 euro (se proprio t'interessa e confermami che con 600 euro a Roma non campi). Ho iniziato per imparare, ho imparato e acquisito competenze e sono rimasta un altro anno non perché conoscessi qualcuno (non sono mai stata una volontaria Avcpp tra l'altro), ma perchè sapevo fare il mio lavoro. Ora non sono dipendente di alcuna associazione, quindi immagino non t'interessi il mio guadagno attuale. Qualunque cosa abbia fatto nella mia vita me lo sono guadagnato per merito e non per conoscenze, non mi piace la gente che va avanti a calci nel sedere, questa cosa non mi appartiene minimamente. Se Avcpp ha delle colpe è giusto che paghi, non è su questo che sto disquisendo. Il mio intervento era per testimoniare l'operato dell'Uda, che negli anni in cui ho lavorato io è esistito eccome, e che ora non esiste più. E che è inutile chiedere all'Uda interventi che non può fare, e che questi interventi vanno pretesi da chi deve farli, ossia le forze dell'ordine e la Asl veterinaria. E nessuna associazione può intervenire al loro posto.