Il Messaggero
30 Aprile 2006

COLLE ARPEA
Dopo il canile, la Forestale sequestra anche i cani



di ILARIA STRINATI

Rieti - Dopo la struttura, a Colle Arpea, finiscono sotto sequestro anche i cani. Il provvedimento è stato adottato venerdì dal Corpo Forestale di Roma, in seguito al malore (la cui causa resta ancora da accertare) che ha colpito una ventina di animali e ne ha uccisi cinque. A darne notizia è il comandante della Polizia Municipale di Rieti, Carmelo Tulumello, che però affonda il coltello sull'operato della Forestale e pretende chiarezza su una vicenda che si trascina da settembre scorso (data del primo sequestro): «E' ora che la Forestale - attacca - dia ampie spiegazioni su cosa stia facendo e cosa stia realmente cercando nel canile di Colle Arpea, evitando così di adottare provvedimenti che, perlomeno a mio parere, non hanno alcun senso logico. Vorrei capire, ad esempio, per quale motivo la Forestale stia agendo in maniera del tutto autonoma rispetto alla Asl». Ed ancora: «Nell'aprile 2004 - riferisce il comandante - ho presentato alla Procura della Repubblica di Rieti un dossier-denuncia in merito a procedure poco lineari di affidamento ed adozione dei cani dall'Italia alla Germania. Finora non ho ricevuto risposte mentre mi sembra fuori luogo questa 'attenzione' verso il canile di Colle Arpea, con l'unico risultato che ora si rischia il blocco delle adozioni». Tulumello ne ha anche per gli animalisti che hanno reso noto quanto accaduto nella struttura una settimana fa: «Valuterò la possibilità di sporgere denuncia nei confronti di chi ha diffuso allarmi che, oltre a creare danni e pregiudizi, sono del tutto infondati. I cani sono guariti e soltanto cinque sono tenuti ancora sotto osservazione dalla dottoressa Alessia D'Aquilio, la quale ha mostrato indiscutibili doti di professionalità e competenza». Sull'intervento della D'Aquilio, veterinario che da pochissimo tempo opera nel canile di Cantalice, anche l'Associazione Canili Lazio ha tenuto a fornire alcune precisazioni: «La dottoressa, allarmata per la situazione sanitaria che si era creata nel canile - si legge in una nota - sospettando in un primo momento che si potesse trattare di intossicazione alimentare, ha fatto sospendere la somministrazione di cibo dell'ultima partita scaricata ed ha richiesto il campionamento del mangime e dell'acqua per l'indagine tossicologica e microbiologica. Dopo aver informato la Asl, ha visitato e messo in terapia i cani che manifestavano i sintomi ed è rimasta al canile fino alle 7 di sera anche i giorni seguenti; ha inoltre effettuato i prelievi di sangue, per le indagini sierologiche di possibili patogeni infettivi, spediti all'Istituto Zooprofilattico di Rieti. Associazioni come la nostra debbono molto a professionisti come la dottoressa D'Aquilio che operano con preparazione ed amore per gli animali».
 

pagina iniziale bairos@tin.it pagina principale di questa sezione


p.s. il contenuto di questa sezione è molto importante in quanto la piaga dei traffici di animali verso il nord Europa è molto estesa.
Diffondete più che potete e diffidate di chi si si offre di sistemare animali in Germania, Austria Svizzera o chi mentendovi vi promette facili affidi. Controllate sempre lo stato degli animali nel tempo e non allontanateli dal territorio, perchè ricordatevi che la vostra ignoranza, la vostra indifferenza, la vostra complicità, sarà la loro FINE.
Proseguite nella lettura entrando nella "pagina principale di questa sezione" e contribuite con noi alla diffusione di queste pagine e di questo argomento