METROPOLIS
23 MAGGIO 2007
 
L'associazione animalista: "usati come cavie all'estero"
L'Adda denuncia: "Traffici clandestini di cani randagi"
 
Pasquale Cesarano
 
Traffici clandestini di animali randagi, denuncia shock dell'Adda di Castellammare di Stabia (NA). "In città ed in  tutta la penisola sorrentina - accusa Rosaria Boccaccini, esponente dell'associazione animalista stabiese - esiste una situazione molto grave. Da parecchi anni si perpetrano movimenti di animali, in particolare di cani e di gatti, verso i Paesi del nord d'Europa, soprattutto Germania, Svizzera ed Austria. Sedicenti zoofili adottano parecchi cani per volta dai canili pubblici e privati e anche cani di proprietà incustoditi spariscono per poi non essere più ritrovati. In casi documentati, gli animali scomparsi sono stati rinvenuti narcotizzati in furgoni fermati dalle forze dell'ordine. Insomma c'è un traffico ingente di cani e gatti dal sud al nord della nostra penisola, in molti casi poi gli animali vengono portati all'estero". Un vero e proprio commercio di animali clandestino dunque, che per la Boccaccini si consumerebbe anche in città:- la sparizione dei cani e dei gatti dalle strade è un inquietante fenomeno che riguarda anche Castellammare. Al Cicerone ad esempio, circa un anno fa sono stati catturati diversi gatti: a novembre scorso abbiamo scoperto che a Moscarella una cagna che noi seguivamo era stata ritrovata dai nostri volontari completamente straziata, nessuna traccia invece dei suoi otto cuccioli. In realtà non sono randagi veri e propri, ma cani abbandonati che si fidano degli umani e non disdegnano la loro compagnia. In base alle nostre indagini, alle denuncie presentate alle forze dell'ordine e alle telefonate anonime che riceviamo, stimiamo, solamente nella nostra Asl,  una partenza verso destinazioni italiane e spesso anche europee di oltre 200 cani al mese.- Una massiccia tratta di animali, con risvolti raccapriccianti. "Spesso sappiamo che delle persone, che si fingono operatori del sistema sanitario, si recano laddove vi sono gruppi di cani o gatti e li trasportano su dei furgoni bianchi, poi più nessuna traccia. Spesso per catturare tali animali utilizzano collari speciali che attraverso delle scosse elettriche paralizzano le bestioline. La sparizione riguarda quasi sempre cani di piccola e media taglia, meglio se sterilizzati. La gente pensa che queste persone siano autorizzate a fare ciò e che questo serva per la salute dei cani e dei gatti, ma non è vero. Si tratta di pseudo animalisti che portano le povere bestie all'estero". Il perchè di tali comportamenti, però, la Boccaccini non sa spiegarselo: "Non conosciamo le motivazioni di tali atteggiamenti aggressivi nei confronti dei nostri amici a quattro zampe. Certo è che se ci fossero più controlli sul territorio certamente assisteremo alla riduzione di tali fenomeni. La nostra attenzione comunque, è rivolta soprattutto ai cittadini cui diciamo di non lasciare mai gli animali incustoditi, di non affidare le cucciolate agli sconosciuti e di non fidarsi di veterinari che, con la scusa di prestazioni gratuite, prelevano gli animali". Per eventuali segnalazioni contattare l'Adda di Castellammare allo 081/8704085
 
pagina iniziale bairos@tin.it pagina principale di questa sezione


p.s. il contenuto di questa sezione è molto importante in quanto la piaga dei traffici di animali verso il nord Europa è molto estesa.
Diffondete più che potete e diffidate di chi si si offre di sistemare animali in Germania, Austria Svizzera o chi mentendovi vi promette facili affidi. Controllate sempre lo stato degli animali nel tempo e non allontanateli dal territorio, perchè ricordatevi che la vostra ignoranza, la vostra indifferenza, la vostra complicità, sarà la loro FINE.
Proseguite nella lettura entrando nella "pagina principale di questa sezione" e contribuite con noi alla diffusione di queste pagine e di questo argomento