da Sally - moderatrice Gruppo Bairo in FB -   giugno 2009

 
Ciao a tutti gli utenti della ML di Bairo.
Come vi avevo scritto poche sere fa,avevo tradotto e dunque spedito alle persone con cui sono in contatto su FaceBook ,il primo articolo  da "Il Messaggero" del 10 Giugno c.a. e che Bairo ci aveva inoltrato ,dal titolo:
 
Trasporto di cani nello scalo: muoiono asfissiati otto cuccioli
 
Tra i commenti alla mia nota ,c'era il dolore di chi aveva letto,tra cui quello di un signore Americano davvero attivo ,e con grande serietà ,nel salvataggio di animali al quale avevo già parlato della tragedia dei traffici in Europa....
Questo signore ,orrore a parte,non si stupì molto di quel che gli testimoniai...
In America i rifugi stanno svendendo i loro "ospiti" ai laboratori !!!!!!!!
E poi mi ha detto: "secondo te,da dove prendono le nostre banche veterinarie del sangue tutte quelle scorte  ???? Dai randagi! E poi inceneriscono le prove,cioè i corpi."
 
Leggo anche un commento di una persona Danese,dispiaciuta per i cagnolini che avevano avuto una possibilità di essere adottati e invece....
Mi trovo così a scriverle per raccontarle cosa si cela dietro queste storie...Le do le informazioni-base sui traffici illegali nascosti e coperti dalla fiaba dell'adozione...
Stamattina,apro la mia posta su FB e trovo il suo nuovo commento alle mie parole:
 
-Per ragioni di rispetto della sua privacy ,ho omesso il suo nome-
 
R: traduzione da un importante quotidiano Italiano:8 di 32 cuccioli muoiono asfissiati: sequestrati
 
Grazie Sally per avermelo raccontato.E'  del tutto spaventoso.Sono lieta che il viaggio sia stato scoperto,così che i cani sopravvissuti avranno una possibilità di una vita migliore. Diversi anni fa io ho lavorato in una clinica veterinaria ,dove c'erano cani randagi ,che avevano trovato una nuova casa...Pensavo.La verità era che questi cani erano usati per esperimenti in un ampio ospedale.I cani erano stati persino rubati in Danimarca o erano cani trasportati da paesi Mediterranei.C'era un gran problema là fuori e al veterinario fu negato il diritto di lavorare con gli animali per il loro bene.
Spero che questo incubo per i poveri cani nell'Europa dell'est e nell'Europa meridionale avrà presto una fine.
Grazie per il link.Trascorri un meraviglioso fine settimana.
 
Immaginate..una persona lavora in una clinica,curano i randagi per farli adottare...Sembra un'ottima iniziativa.
 
In altre occasioni,persone dalla Grecia a cui ho parlato dei traffici a seguito di appelli di adottabilità staffettandoli anche con aerei ,mi han risposto,con tono un po' duro,che persone nel Nord Europa pagano anche € 1000 per curare i randagi Greci : dunque perchè farlo , se poi devono farne cibo o ricavarne pelliccia?
 
Animali curati,la promessa di una casa....dicono a  questa impiegata della clinica
 
Poi non so come lo scopre,viene fuori la verità: gli animali vanno/vengono da un grosso ospedale ....dunque sono "oggetto" di esperimenti,dunque vittime.
Non bastano più i randagi danesi...si comincia a rapirli ...sono animali che hanno una famiglia....li "rubano"...Ma per non rimanere mai a secco,i paesi del mediterraneo offrono altre scorte...
E' un sistema produttivo,ben coperto dalla melassa delle buone intenzioni.
 
La persona  che mi ha scritto la sua testimonianza probabilmente aveva cercato di rimuovere quel ricordo,sperare fosse un fenomeno limitato...finchè dall'Italia,un articolo che vede il fermo di un camion,cuccioli morti,provenienza Grecia,direzione Germania....riapre l'abisso dell' orrore e la persona Danese comprende che è qualcosa che non è mai finita ed è anzi senza limiti.
 
Cosa c'entra l'Europa dell'Est?
- le informazioni che seguono provengono da una persona tedesca ,l'autrice della petizione contro l'eventuale  proposta di uccidere in massa randagi in tutta Europa,con una legge comunitaria appoggiata da un ente Europeo per la salute -scusate non ne ricordo il nome- come misura preventiva contro le zoonosi,le malattie trasmissibili da cani e  gatti agli umani.....-
 
L'Europa dell'Est ,innanzi tutto la Polonia,sono gli acquirenti di gatti e cani che il mercato Tedesco,Austriaco,Svizzero et cetera, fornisce loro,per farne pellicce: sono articoli di consumo comune.
Dunque la catena del mercato è più lunga e variegata,ramificata....
Poi ci sono:
i laboratori -che prediligono animali ,malati e deboli....sono ottimali per i test.... pensate a certe etichette " testato anche sulle pelli più sensibili "...
Figuriamoci come sono adatti poi per esperimenti/addestramenti di chirurgia...dei traumi,.dei problemi cardiaci et cetera...
Anzichè indurre lesioni,sono quasi là belle e pronte ....
 
I combattimenti clandestini.
 
Pellicce per l'Est o per la stessa Svizzera, Germania...specificando " pellicce di gatti non nazionali "...E beh,questo si che ci conforta! Un gatto greco o italiano non soffre se viene scuoiato...
 
Smaltimento randagi in eccesso ,un po' come si è fatto coi rifiuti...( vi ricordate di Gunzwil ?)
 
 
E sapete qual è la leggenda metropolitana infamante che gira conto coloro che si permettono di dire alla gente in Grecia che organizza queste spedizioni che sono spedizoni non verso case,ma verso al morte?
 
".... i tedeschi cercano cani e gatti per farne salsicce...."
 
Bel razzismo giocato sullo stereotipo del "tetesco tutto crauti e salsiccen"
 
La disperazione in Grecia- la cui preparazione all' estate ,a maggior ragione per i turisti ,è fatta di "pulizia" cioè di impiccagioni e avvelenamenti di cani,gatti...-; la disperazione,scrivevo, è tale da rendere la gente cieca e sorda.
Ma anche un po' aggressiva nelle parole,forse perchè  solo così scacciano l'atroce dubbio che si affaccia per le  parole di altra gente che ha articoli a testimoniare ...e così arrivano persino ad affermare che la stampa italiana scrive spazzatura per vendere di più, accusando le "brave" organizzazioni Greco-Britanniche-nord Europee che fanno volare cani da un paese all'altro...Una persona ha affermato che l'Interpool ha controllato ed è tutto in regola.............................................. ??????????
 
Ma ci sono persone in Grecia che invece hanno paura....una ragazza mi ha detto che è attentissima nelle adozioni....deve  poter controllare di persona l'adottante...a dare un animale in adozione solo nelle vicinanze di casa.
 
Come sempre,la criminalità non è di una cultura.
E' ovunque.
E offre melassa di "bontà"per attrarre brava gente ...ma dietro,c'è carta moschicida....e a morire sono i cani e i gatti che tentano ingenuamente di salvare.
 
Dalla Spagna fin'ora nessun commento o accusa...
 
A volte,quando leggo le parole di persone che "spediscono" animali,espressioni come "l'interpol ha controllato " o " mi sento offesa,i cani sono la mia vita" "la stampa italiana infanga le associazioni per guadagnare..l'enpa non vuole seguire il nostro esempio per guadagnare sui cani "......
Prima mi sale il sangue alla testa di fronte alla testardaggine stolida...
Poi dico...."non ci capisco più niente...è follia"....mentre in testa mi girano articoli e video che il link di Bairo sui traffici ci ha messo a disposizione...
 
Mi riprendo,pensando che per quattro testardi,ne troverò uno che capirà...e che comunque il dubbio l'ho instillato...
 
Poi arriva un  messaggio ,come quello dalla Danimarca....
E mi accorgo di quanto sia facile....banale, il male....
Davanti,accanto,dietro a noi.
Però  "sento" l'evidenza...Più si fanno circolare le notizie,le informazioni....più quella tela nera profumata di bontà per nascondere la puzza del crimine ,quella tela che copre l'orrore comincia a lacerarsi....
 
A Napoli mi raccontarono una sorta di detto..."o' pappece" che consumò a furia di rosicchiare costantemente ,una quercia o qualcosa di simile,un grande tronco insomma...distrusse quell'albero che pareva tanto possente...
 
Non smettiamo mai di parlarne....Ce la faremo.
 
Sally

 
pagina iniziale bairos@tin.it pagina principale di questa sezione


p.s. il contenuto di questa sezione è molto importante in quanto la piaga dei traffici di animali verso il nord Europa è molto estesa.
Diffondete più che potete e diffidate di chi si si offre di sistemare animali in Germania, Austria Svizzera o chi mentendovi vi promette facili affidi. Controllate sempre lo stato degli animali nel tempo e non allontanateli dal territorio, perchè ricordatevi che la vostra ignoranza, la vostra indifferenza, la vostra complicità, sarà la loro FINE.
Proseguite nella lettura entrando nella "pagina principale di questa sezione" e contribuite con noi alla diffusione di queste pagine e di questo argomento