NEWS FOOD
20 OTTOBRE 2009
 
Legge 189 e sequestri di animali
FederFauna lancia un appello ai Parlamentari: Rivedete la Legge 189
I maltrattamenti sugli animali devono essere fermati in maniera decisiva
 
Una delle principali accuse mosse da FederFauna agli animalisti, è quella di avere un concetto ideologico e non tecnico del benessere animale: l'essere, per esempio, contrari all'allevamento quando, invece, è proprio l'allevamento a garantire la conservazione di molte specie; l'essere contrari alla caccia quando, invece, è spesso l'unica forma di gestione del patrimonio fauna selvatica che, con il miglior rapporto costi benefici, consenta di bilanciare quantità e qualità delle popolazioni animali a seconda dell'habitat che le ospita; l'essere contrari a qualsiasi forma di economia legata agli animali, definita appunto "sfruttamento" da loro, quando, invece, è proprio dando un valore economico alle cose, che chiunque ne ha più cura (lo si fa anche con gli esseri umani! Chi non ha oggi un'assicurazione sulla vita? Allora, perché scandalizzarsi se si da un valore economico a un animale?).
Ed è questa visione puramente ideologica, la madre anche di altri atteggiamenti animalisti, che FederFauna avversa. Tra questi, potremmo citare, per esempio, che per certi animalisti, il viaggio di un cane di razza su un furgone attrezzato di un commerciante da Budapest a Roma, sia "un viaggio allucinante" ma, un viaggio di un randagio da una perrera di Madrid o da un canile di Bucarest fino a Roma, o dalla Sicilia a Milano in un trasportino caricato su un'auto, diventi "un'opera di carità".
Lo stesso vale per la diffusione di malattie: per certi animalisti, un cucciolo ungherese potrebbe portare la rabbia ma non è un problema "staffettare" dal sud al nord randagi affetti da leishmaniosi. E potremmo continuare così per molto tempo ancora ed annoverare numerosi altri esempi di questo tipo. Una delle conseguenze più tragiche di questa ideologia però, in primis per gli animali tra l'altro, è rappresentata dai sequestri. Ce ne sono stati tantissimi dopo la promulgazione della famigerata legge 189 del 2004 sul maltrattamento animale.
Perché?
Perché la legge 189, secondo FederFauna, è una delle più chiare espressioni dell'animalismo ideologico: è la legge che delinea il reato di maltrattamento, condizionandolo alla "detenzione incompatibile con la natura degli animali", senza prima aver definito quale sia quella "compatibile"!...
Ecco che, con questi presupposti, è sufficiente che chi effettua i controlli sia predisposto in prima persona, o talvolta solo psicologicamente pressato, a ritenere che per un animale non sia "naturale" l' essere selezionato, venduto, esposto o utilizzato in determinate attività umane, perché i reali requisiti tecnici delle strutture detentive e tutto quanto possa essere oggettivamente delineato in centimetri o chilogrammi, passino in secondo piano.
Per di più, la 189 è la legge che consente che la stessa figura ricopra il ruolo di chi denuncia il "maltrattamento", il ruolo di ausiliario di PG dura nte il sequestro e anche il ruolo di affidatario degli animali sequestrati. Pur non volendo accusare nessuno, qualche dubbio sul "conflitto di interesse" non può non venire!... Soprattutto alla luce degli svariati casi di animali esotici, cani, gatti, uccelli, rettili, ecc., sequestrati per presunti maltrattamenti e poi, una volta giunti alla conclusione del procedimento e appurato che di maltrattamenti non si trattava, non restituiti in ugual numero e condizioni perché in parte morti o dispersi!...
A tal proposito, oltre alle denunce e alle inchieste già aperte su questo tipo di situazioni, è interessante notare come recentemente, sul sito di Big Hunter, un'utente che voleva far notare quante spese dovesse sostenere un'associazione animalista, abbia incluso tra queste: "i sequestri di migliaia di animali esotici che bisogna mantenere e riuscire a piazzare".
Cosa avrà inteso con quel "piazzare"?
FederFauna, in un momento in cui il dibattito sugli animali è sempre più spesso protagonista, oltre che delle cronache, anche delle attività parlamentari, auspica dal Parlamento un attento esame dei fatti, non delle opinioni vendute come tali da qualcuno, e una conseguente attività tesa a garantire la tutela "oggettiva" delle esigenze sanitarie, ambientali e di benessere degli animali ma anche la tutela delle esigenze economiche, sanitarie, sociali e culturali dell'uomo.


 

 
pagina iniziale bairos@tin.it pagina principale di questa sezione


p.s. il contenuto di questa sezione è molto importante in quanto la piaga dei traffici di animali verso il nord Europa è molto estesa.
Diffondete più che potete e diffidate di chi si si offre di sistemare animali in Germania, Austria Svizzera o chi mentendovi vi promette facili affidi. Controllate sempre lo stato degli animali nel tempo e non allontanateli dal territorio, perchè ricordatevi che la vostra ignoranza, la vostra indifferenza, la vostra complicità, sarà la loro FINE.
Proseguite nella lettura entrando nella "pagina principale di questa sezione" e contribuite con noi alla diffusione di queste pagine e di questo argomento