animalieanimali
02/03/06
 

 

AVIARIA: GATTO, INASPRITE MISURE SICUREZZA IN GERMANIA
 

Dopo il felino morto sull'isola di Ruegen.

 

 

2 marzo 2006 - Gatti reclusi in casa e cani al guinzaglio, sono i provvedimenti per le zone a rischio decisi in Germania dopo la scoperta per la prima volta in Europa di un mammifero, un gatto, contagiato con il virus dell' influenza aviaria H5n1.
Inviti alla calma alla popolazione sono arrivati dall' Associazione tedesca per la protezione degli animali, dal Consorzio dei fornitori di negozi zoologici, e anche dalla stessa cancelliere Angela Merkel, che attraverso un portavoce ha fatto sapere di seguire con molta attenzione l'evolversi della situazione.
A Berlino si e' riunito per la prima volta il comitato nazionale di crisi che dopo una teleconferenza con i ministri regionali dell'Agricoltura, ha chiesto ai 7,5 milioni di persone che hanno in casa un gatto, ai 5,3 di proprietari di cani, ma anche tutti gli altri possessori di un animale domestico (dal furetto agli uccellini canori) di prestare particolare attenzione al comportamento degli animali. Ed in caso di dubbio di ricorrere ai veterinari.
Alla fine della riunione e' stato diffuso un decreto del ministero dell'Agricoltura che impone di tenere in casa i gatti, quando e' possibile, e di portare a passeggio i cani con il guinzaglio in tutte le zone piu' esposte al contagio ed in quelle dove maggiore e' il passaggio di volatili selvaggi (soprattutto quelli acquatici).
Gli esperti hanno poi cominciato a valutare la possibilita' di contagio per i gatti che, come gia' si sapeva in passato, sono particolarmente recettivi per il virus dell'influenza aviaria. Un po' meno i cani, per i quali comunque qualche episodio degli anni scorsi pone qualche preoccupazione, mentre sembra molto piu' difficile che cio' avvenga per i ratti o i topi. Intanto in Germania c'e' penuria di abbigliamento protettivo per evitare il contagio, a causa della grande richiesta di questi giorni.
A 100 giorni esatti dall'avvio dei campionati mondiali di calcio in Germania il presidente della Federazione internazionale del calcio (Fifa), lo svizzero Joseph Blatter, ha assicurato che al momento non vede nessun pericolo di un rinvio a causa dell'influenza.
Ma se l'epidemia di aviaria dovesse diventare una minaccia come la peste o il colera, con trasmissione del contagio da un essere umano all'altro, allora saranno i governi a decidere. ''E noi dovremo rispettare queste decisioni. E' chiaro'' ha detto Blatter, in una intervista al quotidiano Bild Zeitung.
L'ultimo caso di uccello contagiato dal virus pericoloso anche per gli umani e' stato scoperto in Baviera, dove il totale con l'anatra scoperta a Lindau, sale da oggi a tre animali contagiati.
Sul gatto trovato positivo a Ruegen, oggi si e' saputo che era un animale molto schivo, abitava in una fattoria ed era abituato a vivere in liberta' nella natura senza contatti con esseri umani. Una portavoce del comitato di crisi a Schwerin, capoluogo della regione dove e' avvenuto il ritrovamento, ha detto oggi che il padrone del gatto e' stato gia' esaminato, ma non presenta nessun sintomo di malattia. Al momento resta comunque sotto sorveglianza medica.
In Germania, oltre ai 7,5 milioni di animali che vivono in casa ma spesso sono abituati a uscire a caccia o a passeggio nei prati del circondario, c'e' un numero di randagi non precisato, che vivono soprattutto nei grandi centri abitati.
Secondo la legge tedesca, questi randagi sono equiparati agli animali selvatici, e per esempio
un cacciatore puo' sparare ad un randagio, se lo trova a almeno 200 metri da un insediamento urbano.
Gaetano Stellacci
(ANSA)
 

pagina iniziale bairos@tin.it pagina principale di questa sezione


p.s. il contenuto di questa sezione Ŕ molto importante in quanto la piaga dei traffici di animali verso il nord Europa Ŕ molto estesa.
Diffondete pi¨ che potete e diffidate di chi si si offre di sistemare animali in Germania, Austria Svizzera o chi mentendovi vi promette facili affidi. Controllate sempre lo stato degli animali nel tempo e non allontanateli dal territorio, perchŔ ricordatevi che la vostra ignoranza, la vostra indifferenza, la vostra complicitÓ, sarÓ la loro FINE.
Proseguite nella lettura entrando nella "pagina principale di questa sezione" e contribuite con noi alla diffusione di queste pagine e di questo argomento