IL PAESE NUOVO
14 NOVEMBRE 2008
 

Erano destinati all’estero. Indaga la Asl
Blitz nel canile Bloccate adozioni dei cani randagi
 

Tricase (LE) - Bloccate le adozioni di alcuni cani ospitati all’interno del canile di Tricase da parte di cittadini stranieri. Ieri mattina i volontari dell’Una, della Lega nazionale per la difesa del cane e della Lovely hanno presidiato la struttura. Successivamente sono intervenuti i carabinieri della locale Compagnia e gli ispettori veterinari della Asl, che hanno notificato il provvedimento di sospensione delle adozioni. I cani pronti per essere adotati, e sul cui numero non vi sono indicazioni certe, stavano per essere consegnati ad un gruppo di cittadini provenienti dalla Svizzera, dall’Austria e dalla Germania.
Dovrebbe trattarsi dello stesso gruppo arrivato da Zurigo nei giorni scorsi e che ha denunciato presunti maltrattamenti ai danni degli animali ospitati nelle strutture gestite dai volontari.
Maltrattamenti che invece, come tempestivamente accertato dai responsabili delle associazioni animaliste, non si sono mai verificati. Sulla vicenda delle adozioni dei cani presenti sul territorio salentino da parte di cittadini stranieri stanno cercando di fare piena luce le associazioni animaliste ed anche i militari dell’Arma. Gli animalisti sostengono che nella maggior parte dei casi deietro queste adozioni si potrebbero nascondere
dei traffici illegali, con gli animali destinati successivamente ai laboratori farmaceutici che operano oltre il confine nazionale, dove poi verrebbero utilizzati per la sperimentazione. Il blitz di ieri mattina ha così impedito che una ventina di meticci prendessero la strada per la Svizzera, l’Austria e la Germania. “Queste persone non devono venirci ad insegnare nulla, sappiamo prenderci cura dei nostri cani e certamente non li maltrattiamo”, dichiara Maria Teresa Corsi, presidente della lega per la tutela del cane. E denuncia: “Ieri abbiamo visto persone che già negli anni passati erano rimaste coinvolte in episodi sospetti, come il furgone con 40 randagi bloccato appena in tempo a Galatone dalla polizia di Nardò e pronto a partire per la Svizzera”.

 

pagina iniziale bairos@tin.it pagina principale di questa sezione


p.s. il contenuto di questa sezione è molto importante in quanto la piaga dei traffici di animali verso il nord Europa è molto estesa.
Diffondete più che potete e diffidate di chi si si offre di sistemare animali in Germania, Austria Svizzera o chi mentendovi vi promette facili affidi. Controllate sempre lo stato degli animali nel tempo e non allontanateli dal territorio, perchè ricordatevi che la vostra ignoranza, la vostra indifferenza, la vostra complicità, sarà la loro FINE.
Proseguite nella lettura entrando nella "pagina principale di questa sezione" e contribuite con noi alla diffusione di queste pagine e di questo argomento