lontano dagli occhi...
Viaggi della morte che quotidianamente migliaia di animali affrontano per trasformarsi in cibo per umani insensibili e menefreghisti. Alcuni di loro al mattatoio arriveranno già morti; di certo saranno i più fortunati. Altri si feriranno, avranno fame, sete. Sopporteranno notti gelide o torride giornate e quando giungeranno a destinazione saranno come larve: distrutti nel corpo e nello spirito. Anche il demonio di fronte a questo orrore si sente un angelo........
 
I nostri nipoti un giorno ci chiederanno: "Dov'eri tu durante l'Olocausto degli animali? Che cosa hai fatto per fermare questi crimini orribili? A quel punto, non potremo usare la stessa giustificazione per la seconda volta, dicendo che non lo sapevamo.
- Helmut Kaplan


 

 

 

 

 

 


pagina iniziale

bairos@tin.it

segue