il Dio uomo...

Sono crudeltà di una efferatezza inimmaginabile. Solo un mostro può arrivare a tanto. Una creatura priva di alcun sentimento, votata al sadismo e alla perversione, che provoca piacere nel fare del male a chi non può difendersi. Il cane, amico da sempre dell'Uomo è anche il più vulnerabile nel dover sottostare a scempi, dolore e sofferenza proprio da chi ama di più: l'essere umano.
Se un cane ferisce un uomo l'unica condanna è la morte senza nessun appello: ha osato infrangere la legge presuntuosa e arrogante della nostra specie. Ha osato far del male a un dio. Ma per questi orrori, per le sevizie e le torture inflitte dal dio al cane nessuno sarà condannato. Gli animali non hanno diritti solo doveri e se sbagliano pagano con la vita.

Tutto ciò che può sentire dolore non dovrebbe essere sottoposto al dolore.
- R. M. Dolgin

 

 


 


pagina iniziale

bairos@tin.it

segue