Dalla Mailing list di Bairo - giugno 2003

La coscienza di un vigliacco

La brutalità umana non avviene solo negli altri Paesi. Esiste anche in Italia l'orrore della crudeltà gratuita su poveri esseri indifesi. Questo è ciò che resta di un cane............
Un cane italiano che viveva in un canile italiano del sud fino a qualche giorno fa (giugno2003). Guardate le sue ferite e ciò che rimane del suo povero corpo. Qualche minuto dopo aver scattato questa foto, l' ammasso di ossa e dolore è morto.
Questa è l'altra faccia del Bel Paese. Un Italia civile e progredita dove si impara l'amore per il prossimo. Ma quale prossimo?
Forse chi non ha voce non merita amore, cure e compassione?
Questo povero cane è morto due volte: assassinato da un padrone vigliacco che lo ha scaricato come immondizia e massacrato dall'omertà di chi sapeva, ma ha preferito tacere. Quanti sono gli animali che finiscono la loro misera vita in canili osceni come lo è questo? Quante sono le  persone vergognosamente animaliste che conoscono realtà orribili, ma non alzano un dito per portare soccorso a misere anime dimenticate?
Gli animali non hanno che noi...purtroppo. Ecco perchè non potranno mai avere giustizia.
 

 


 


pagina iniziale

bairos@tin.it

segue