Papino

Papino
partito per il Ponte agosto 2006

Aveva lo sguardo dolce Papino e tanta voglia di vivere.  Papino è stato ucciso complice l'ignoranza e l'arroganza di chi avrebbe dovuto proteggerlo.
Ignoranza nel credere che la sua malattia avrebbe potuto nuocere alla nuova vita che la sua compagna umana portava in grembo; arroganza che ha impedito di chiedere aiuto a chi fiduciosamente glielo aveva affidato.
Eri dolce Papino e avevi tanta voglia di vivere. 
Ti avevamo salvato dagli artigli di un orco per affidarti a mani sicure, mani con i guanti di velluto. Così credevamo e ne eravamo felici.  Mai avremmo sospettato che sotto il velluto si nascondessero gli artigli che ti hanno ucciso.
Riposa in pace piccolo Papino, tuo il nostro amore. Nostro il dolore perché, ignari, non abbiamo potuto impedire che la tua vita venisse spezzata.  Noi ti avremmo curato, lo sai.
                                      (Assoc. Baffi e Code)

 

pagina iniziale bairos@tin.it pagina principale di questa sezione