Produttori animalisti
tratto dal giornale "scelgo io"     3.  2002 giugno
 

In passato molti allevamenti, soprattutto in Ungheria, avevano una cattiva fama perché gli animali venivano spiumati vivi.
Per un piumone di un chilo servono 40 oche o 60 anatre, dalle quali si ottiene al massimo un 15% di piumino, il resto sono piume.
Il piumino è importato soprattutto da Cina, Polonia, Ungheria e Francia. Nel 1991 la trasmissione Kassensturz ha evidenziato i maltrattamenti sugli animali, e solo dopo cinque anni l'associazione dei fabbricanti di piumini (Vbs) è riuscita a bloccare lo spiumaggio di animali vivi.
L'uso di piumino e piume tratte esclusivamente da animali morti, secondo Vbs, sarebbe garantito grazie a contratti speciali, certificati e multe elevate.
Produttori come Dorbena e Topmail vogliono apportare la dichiarazione "privo di piume di animali vivi" anche sui prodotti d'importazione.
Lo spiumaggio di animali vivi è attuale soprattutto negli allevamenti ungheresi perché redditizio, se comparato ai salari medi del paese. Ogni oca subisce nel corso della sua vita (un anno), tre spiumaggi. Mentre gli animali destinati all'alimentazione vengono uccisi e spiumati generalmente già dopo 12-14 settimane.
In Cina lo spiumaggio a vivo non è praticato. Le carni d'oca e anatra sono poco costose. I rifiuti della macellazione sono perciò un prodotto d'esportazione benvenuto.

 

pagina iniziale

             bairos@tin.it

   pagina principale di questa sezione