IL RESTO DEL CARLINO
ASCOLI
29 giugno 2003

«Troppi padroni incivili»
Piazza vietata ai cani
 

SIROLO (Ancona)— Prima il divieto per i nudisti ai Sassi Neri, poi l'anno scorso il divieto di tenere non più di due gatti che sollevò addirittura un'interrogazione e proteste trasversali in tutto l'arco del Parlamento. Quest'anno il sindaco di Sirolo ci riprova, e rischia di sollevare l'ennesima alzata di scudi, con la solita ordinanza estiva che fa discutere e che fa tanto notizia, ma se la prende con i padroni dei cani. «Vietato l'ingresso in tutta la piazza ai cani, anche al guinzaglio». Si rischia una multa di 154 euro (quasi 300mila delle vecchie lire).
I cani sotto il mirino del sindaco Misiti c'erano già stati. Due anni fa bastò che il primo cittadino si limitasse ad annunciare l'ordinanza al nostro giornale, per scatenare le proteste degli animalisti. Stavolta l'ordinanza non è stata annunciata.
Per accorgersi della sua entrata in vigore bisogna leggere la bacheca del Comune o, l'altra sera, bastava andare in piazza. All'entrata, dopo la chiesa ed il campanile, campeggia l'inequivocabile sagoma di un cane barrato. Stesso cartello anche all'ingresso dell'arco medioevale per chi viene da Numana. Sotto il cartello però c'è il dog-net, il distributore di palette di cartone, evidentemente poco utilizzato, per cui si capisce il perché di questa ordinanza.
Il provvedimento si sarebbe infatti reso necessario a seguito delle proteste per la mancata raccolta delle deiezioni da parte di padroni incivili. Un comportamento deprecabile, che deve essere punito. L'ordinanza ora indispone e penalizza ingiustamente tutti, padroni dei cani coscienziosi e non, sirolesi, ma anche turisti con gli animali al seguito. «L'ordinanza di Sirolo è incostituzionale!», tuona da Milano l'ufficio stampa dell'Oipa (organizzazione internazionale protezione animali), «non c'è una legge specifica che vieti addirittura il transito con i cani nei luoghi pubblici. Tutto ciò è ridicolo. L'ordinanza è impugnabile. Bisognava formularla diversamente è scrivere: “nella piazza di Sirolo è fatto l'obbligo tassativo della raccolta degli escrementi dei cani”. I trasgressori possono essere puniti anche con una multa più salata di 154 euro, ma vietare il transito proprio non si può. E' un provvedimento limitativo delle libertà personali».
Quanto allo stesso Misiti, il sindaco sottolinea che il suo intento è di salvaguardare quell'autentico gioello che è la piazza di Sirolo: «Il luogo tra l'altro è frequentato dai bambini — spiega —, che spesso mettono le mani per terra. Noi destineremo un'area apposita di un ettaro e mezzo per i cani, situata vicino al parcheggio degli albergatori. Quanto all'ordinanza, non è detto che possa essere modificata e soppressa. Il Comune fa però appello ad un maggior senso di responsabilità dei padroni dei cani». Per la cronaca, ieri sera l'ex sindaco Lucio Forestieri è stato morsicato a S. Lorenzo da un husky lasciato sciolto. «I cani mi piacciono lo stesso — ha detto —. Ma i padroni debbono saperli tenere bene... ».
 
di Aldo Spadari

 

Iniziativa pubblicata in Mailing List di Bairo il 29/06/03

 

Scriviamo tutti al sindaco del comune di Sirolo per l'ordinanza emanata in questi giorni e che vieta il passaggio dei cani in due piazze del paese (piazza Vittorio Veneto e Piazza Marino) . L'ammenda per chi infrange questa regola è di 154,00 euro. Una cifra esagerata. Inoltre chi abita nelle piazze "galeotte" ha la possibilità di passare con il proprio cane al guinzaglio nel più breve tempo possibile.
L'anno scorso lo stesso sindaco aveva fatto un'altra ordinanza alquanto strana: quella di vietare di tenere più di due gatti per famiglia. Ricordiamogli anche questo. Così capirà che chi rispetta ogni forma di vita, non dimentica!


 
Inviate più fax che potete al numero 071/9331036.
 
IL MESSAGGIO TIPO DA PERSONALIZZARE ALMENO NELL'OGGETTO E' DA INVIARE A:
 
 
Cc:  redazione.cronaca@ilrestodelcarlino.it; cronaca.ancona@ilrestodelcarlino.it; paolo.giacomin@quotidiano.net; superaldo@libero.it;  ansa@ansa.it; attualita@unita.it; avvenire@avvenire.it; cronaca@ilmessaggero.it; fulvio.grimaldi@liberazione.it; guardini@corriere.it; ildirettore@ilfoglio.it; info@gazzettadelsud.it; internet@corriere.it; larepubblica@repubblica.it; lettere@avvenire.it; lettere@corriere.it; lettere@ilcentro.it; lettere@ilfoglio.it; lettere@ilmanifesto.it; lettere@lastampa.it; lettere@unita.it; lettori@ilgiornale.it; paolo.mieli@rcs.it; posta@liberazione.it; posta@unita.it; postacorriere@rcs.it; redazione.internet@ansa.it; redazione.internet@quotidiano.net; redazione@ilmanifesto.it; redazione@ilnuovo.it; redazione@lastampa.it; roberto.baldini@quotidiano.net; rubrica.lettere@repubblica.it; segreteria@ilgiornale.it; segreteria@libero-news.it; specchiotempi@lastampa.it; vzucconi@aol.com; info@quotidianiespresso.it;
redazione.ancona@agi.it; commerciale@guidamarche.com; info@marche.margheritaonline.itcoord-mar@margheritaonline.itinfo@sgmarche.netwww@dsmarche.it; bloemendal@ulivo.it; cenci@ulivo.it; barbara@ulivo.it;draghetti@ulivo.it; fabrizio@ulivo.it; palmieri@ulivo.it; siboldi@ulivo.it; mauromercuri@infinito.it;

 

Egregio Signor Sindaco.

Siamo venuti a conoscenza dell'ordinanza n. 27 prot. 5177 del 16 giugno 2003, nella quale si vieta in modo assoluto di "introdurre anche al guinzaglio e lasciar vagare i cani in piazza Vittorio Veneto e Piazza Marino". Leggiamo inoltre che "i residenti delle due piazze, possono condurre i cani di proprietà all'interno di detti luoghi solo al guinzaglio e limitatamente al periodo necessario per uscire di casa e raggiungere un posto esterno alle piazze interessate". Ed ancora:  " Ai trasgressori sarà inflitta una sanzione di euro 154,00 " Già lo scorso anno, esattamente nel mese di giugno era stata emanata un'ordinanza nella quale si vietava di tenere più di due gatti a famiglia.
Forse l'inizio dell'estate per l'Amministrazione comunale di Sirolo è sinonimo di stranezze! Ci si scaglia contro gli escrementi di un animale e si fa finta di niente delle cartacce che vengono lasciate sui marciapiedi, degli sputi, delle siringhe e quant'altro attribuito all'umano. Ma nessuno ha detto a lei Signor Sindaco, che tolleranza e rispetto sono il vero indicatore della civiltà?
E' a conoscenza che ci sono anche anziani che trovano nell’animale la sola opportunità di compagnia? Anche i padroni dei cani sono cittadini e hanno diritto a tenere i propri animali secondo le esigenze etologiche. E' a conoscenza che esistono luoghi anche importanti geograficamente, popolati da gente civile e progredita in cui vengono distribuiti sacchetti e palette ai proprietari di cani per le loro uscite quotidiane? Ci dica, la preoccupazione maggiore per Lei sono solo gli escrementi dei cani ? Non sente il dovere, la coscienza, la sensibilità, la civiltà di occuparsi del loro benessere? Riteniamo tale ordinanza anticostituzionale, in quanto lede i diritti di tutti i cittadini possessori di cani e ci auguriamo in una tempestiva riflessione in tal senso.

Nome, cognome, città
GRUPPO BAIRO ONLUS

 

 

IL RESTO DEL CARLINO
ANCONA
1 LUGLIO 2003

 

Solidarietà per i... cani
 

ANCONA — Una pioggia di e-mail al Carlino sull'ordinanza del sindaco Misiti che vieta l'ingresso ai cani nella piazza di Sirolo. Sono vari membri del Gruppo Bairo Onlus a far sentire la propria voce da varie città italiane (Roma, Milano, Firenze, Piacenza, Modena, Oristano, Bergamo, Torino, Cesena, Piacenza, Grosseto). Tutti firmano una lettera in cui si ricorda come "già lo scorso giugno era stata emanata un'ordinanza che vietava di tenere più di due gatti a famiglia. Per quale motivo una famiglia non può tenere in casa più di due gatti? E' forse suo il problema se questi animali distruggono un divano oppure si fanno le unghie sulle tende? Qual è il reale motivo? Non credo che sia un problema igienico in quanto nella propria casa ognuno pulisce il proprio sporco, quindi il comune non è coinvolto. E poi quale igiene se tutte le città italiane sono piene di cartacce, i litorali delle spiagge spesso e volentieri rivelano siringhe usate (come mai le amministrazioni comunali non si occupano di pulire?) altre città sono sommerse da rifiuti, eppure lo sporco dei cani sembra essere l'unica cosa veramente essenziale per tante amministrazioni. Forse si vuole semplicemente spostare l'attenzione da altri problemi più seri. Forse l'inizio dell'estate per il Comune di Sirolo è sinonimo di stranezze! Ci si scaglia contro gli escrementi di un animale e si fa finta di niente delle cartacce che vengono lasciate sui marciapiedi, degli sputi, delle siringhe e quant'altro attribuito all'umano. Ma nessuno ha detto a lei signor sindaco, che tolleranza e rispetto sono il vero indicatore della civiltà? E' a conoscenza che ci sono anche anziani che trovano nell'animale la sola compagnia? Anche i padroni dei cani sono cittadini e hanno diritto a tenere i propri animali secondo le esigenze etologiche. Sa che esistono luoghi anche importanti geograficamente, popolati da gente civile e progredita in cui vengono distribuiti sacchetti e palette ai proprietari di cani per le loro uscite quotidiane? Ci dica, la preoccupazione maggiore per lei sono solo gli escrementi dei cani? Non sente il dovere, la coscienza, la sensibilità, la civiltà di occuparsi del loro benessere? Riteniamo tale ordinanza anticostituzionale, in quanto lede i diritti di tutti i cittadini possessori di cani e ci auguriamo in una tempestiva riflessione in tal senso".
Enrica Boiocchi (vicepresidente), Mimma Bernardi, Restelli Roberta, Maria Pia Masciovecchio, Maria Barbara Piccioli, Mario Capponi, Ada Cusimano, Manuela Arioli, Annunziata Pascale, Daniela Giussani, Davide Pistone, Valentina B., Antonio Augusto, Ursula Mazzucchetti, Leandro Bianchi, Angela Corrieri, Antonella Ercolani, Giannetti Sara, Enzo D'Ignazio, Cinzia Sona, Federica Garau, Linda Guerra e Cinzia Sona, Davide Giannobi.

 

pagina iniziale bairos@tin.it segue